“Graffio” di Teresa Rosenfeld (Linea Edizioni)

Recensione di Patrizia Debicke

Dopo averle fatto bruciare i migliori anni della vita nel  natio palazzo avito a Lecce, nel Salento, coinvolta senza colpa nell’angosciante lutto familiare per la morte in fasce del fratellino Lucantonio,  solo  la scomparsa del  padre, uomo schivo e dolcissimo, malmaritato  con una donna di nobilissimi lombi ma egoista, viziata e isterica, aveva finalmente rotto le uniche vere catene affettive che avevano imprigionata Nicoletta Poggiardo, detta Nikla. Solo dopo la scomparsa del ragionier Poggiardo , infatti,  Nickla, trentasettenne, aveva potuto trasferirsi a Roma, istallarsi e  lanciarsi in ignote esperienze e  scoprire orizzonti per lei inimmaginabili, quali il sesso  e una sfrenata, incredibile  libertà.
Ma ormai,  a quasi cinquant’anni, Nikla, calendario alla mano, si troverà  costretta a dover fare i conti con quella che giudica la sua  semi fallimentare esistenza fino a quel momento.
Se nel suo lavoro si è sempre mossa e si muove bene, con professionalità e disinvoltura , ottenendo  un meritato successo, per tutto il  resto invece non ci siamo proprio.  Infatti, a  parte la sua eccezionale competenza  nel settore dell’immobiliare, Nikla Poggiardo è un donna insofferente  con  i bambini,  ovverosia non li sopporta, dalla morte del padre non frequenta più sua madre e non ha mai avuto dei  veri amici, a parte una vecchia coetanea e  compagna di scuola che fa l’avvocato a Roma.
Unici suoi protettori e angeli custodi,  in passato come nell’oggi, i vecchi e nuovi domestici con la loro pietosa affezione e solido paesano buonsenso.

(la recensione prosegue a p.2) 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...