Le Spose Sepolte – Tour

PROSSIME PRESENTAZIONI DELLE SPOSE SEPOLTE:

Giovedì 9 maggio

con Roberta Scorranese – I viaggi del Corriere della Sera – Bologna

presso Santa Maria della Vita, parlando del Compianto di Niccolò dell’Arca

***

10 maggio 0re 18.30

«Tutti i colori del giallo»
Massagno Lugano (Svizzera italiana)
Presso Villa Selva

L'immagine può contenere: testo

*** Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in editoria, femminicidio, Nessuna più, presentazioni, racconti, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | 8 commenti

Sul comodino della Rambaldi: “CUBA Altravana” di Davide Barilli (Perrone)

Risultati immagini per CUBA Altravana di Davide Barilli (Perrone)Davide Barilli (nella foto, sotto) – scrittore e giornalista ha pubblicato numerosi romanzi e raccolte di racconti. Molti suoi libri sono ambientati a Cuba come: Le cere di Baracoa e La nascita del Che.

Dal 1990 lavora per la pagina culturale della Gazzetta di Parma.

Ma oggi le cose sono cambiate. Spillatrici nuove di zecca, mattonelle d’importazione al posto degli azulejos fatti a mano negli anni trenta. Un maquillage, quello toccato allo Sloppy’s e ad altri bar d’epoca, inevitabilmente viziato dal kitsch, dal momento che la lucentezza cromata che ha preso il posto dell’incuria polverosa che proteggeva la loro autenticità fino al 1965, anno della chiusura voluta da Fidel Castro, è lo specchio falsificato di un’era defunta. Il riflesso stridente degli ottoni, i lampadari lucidi altro non sono che la restaurazione di un tempo e di un respiro che non è più quello originario. Una laccatura a un’epoca defunta che fa lo stesso effetto di una dentiera nuova di zecca nella bocca di un vecchio coricato nella bara”

Cuba è l’Avana e l’Avana è una città in profonda trasformazione.

Per questo Davide Barilli, scrittore e giornalista, che frequenta l’isola da quasi trent’anni, ha voluto raccontare in un libro quello che non si trova nelle guide tradizionali: piccole librerie dell’usato, balere, teatri, laboratori di erbieri, bar e cibo compresi. Il risultato è Cuba. Altravana per Giulio Perrone Editore. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Nero Laguna, una terza edizione dal respiro internazionale

Sta per partire la terza edizione di Nero Laguna, il festival letterario realizzato dal Comune di Comacchio (Ferrara) che si svolgerà dal 2 al 5 maggio. Vedrà tra gli ospiti grandi firme come Tim Willocks e Alex Connor, sarà diretto dallo scrittore Marcello Simoni (nella foto a fianco) e patrocinato dalla Regione Emilia Romagna.

Da Comacchi, quindi, lo scenario diventa internazionale, e non dimentica la vicina Francia con un pensiero dedicato a Notre Dame. Alla cattedrale francese pressoché distrutta dal rogo, ispiratrice nel corso dei secoli di moltissimi autori e romanzi – tra tutti Victor Hugo con Notre-Dame de Paris – sarà infatti dedicata l’anteprima con Simoni e Mariangela Ciavarella (giovedì 2 maggio, ore 16.30, Museo Delta Antico) che  si confronteranno sulle Alchimie e misteri tra arte e letteratura. Continua a leggere

Pubblicato in eventi, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

Sul comodino della Rambaldi: “Nero, il gatto di Parigi” di Osvaldo Soriano (LiberAria)

Risultati immagini per “Nero, il gatto di Parigi” di Osvaldo Soriano (LiberAria)Quando eravamo partiti da Buenos Aires non avevamo avuto il tempo di prendere le nostre cose; avevo dovuto lasciare laggiù un triciclo e un lungo trenino elettrico che facevo correre tra montagne, boschi e fiumi, tutto sul tavolo della sala da pranzo. Ma quello che più mi era dispiaciuto era stato lasciare Pulqui, che la notte dormiva con me raggomitolata fra le mie gambe come una pallina calda, fino al mattino dopo, quando mi svegliavo alla solita ora per andare a scuola.

Osvaldo Soriano – Buenos Aires, 6.01.43/19.01.97 – è considerato uno dei maggiori scrittori argentini del Novecento. A seguito del colpo di stato di Videla del 1976 decide di trasferirsi in Europa, prima in Belgio e poi a Parigi. Tornato in Argentina nel 1984, grazie ai suoi libri ha un enorme successo di critica e di pubblico. Tra le sue opere: Triste, solitario y final, Mai più pene né oblio, Quartieri d’inverno e La resa del leone.

Nero, il gatto di Parigi è il suo primo libro per ragazzi.

Un gatto suggerisce a Soriano il finale di Triste, solitario y final, un altro gli terrà compagnia in esilio.

Solo i gatti sanno placare le sue paure. Lascerà una ragazza dopo aver scoperto che è allergica ai gatti. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

“Un’ombra nell’acqua” di Catherine Steadman (Longanesi)

Risultati immagini per "Un’ombra nell’acqua" di Catherine Steadman (Longanesi)Recensione di Patrizia Debicke 

«Norfolk, oggi. La terra è pesante, compatta, sembra non finire mai. Erin scava da tre quarti d’ora e le sue forze cominciano ormai a cedere, insieme alla determinazione. Ma non ha scelta, deve continuare. Nonostante la fatica, la paura, il dolore e l’incredulità. Vorrebbe tanto che lì ad aiutarla ci fosse qualcuno che ama e di cui si fida. Ma è impossibile, perché la persona che ama di più al mondo è proprio quella destinata a finire in quella fossa… »

Solo poche settimane prima, Erin e Mark erano una coppia felice e realizzata. Lei è una giovane documentarista che ha raggiunto un’importante svolta professionale: un programma di interviste a tre diversi detenuti che dopo aver scontato le loro condanne per i motivi più diversi, stanno per uscire di prigione. Mark, il lui della coppia, è un trader quarantenne londinese, uomo carismatico, di indubbio fascino, che è scampato alla grande debacle economica del 2008 che ha visto cadere tante teste e tanti colleghi e crede in un brillante futuro davanti a sé. Dopo anni di convivenza Erin e Mark hanno deciso di sposarsi, sono sicuri. Tutto sembra facile, scontato ma… Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Una ricerca di libertà fisica e interiore: Elena di Sparta o Elena di Troia?

Risultati immagini per elena euripidedi Eleonora Papp

Quello di Elena è un mito perenne, davvero un unicum nella mitologia classica. Nell’immaginario maschile dell’Occidente Elena di Sparta (chiamata anche Elena di Troia) è venuta a identificarsi con l’eterno femminino, con l’eros (l’amore passionale) e quindi con la donna che ogni uomo può sognare e/o temere.

L’Elena è una tragedia, o meglio, una tragicommedia di Euripide (485 a.C. -406 a.C.), che si colloca nell’ultima fase creativa del grande maestro di Salamina. Anche se non è più perfettamente classificabile seguendo gli schemi delle antiche categorie greche, l’Elena mantiene i notevoli approfondimenti psicologici sul carattere dei personaggi che caratterizzano le opere di Euripide e ci trasmette ad ogni lettura intense emozioni.

L’Elena tratta delle vicissitudini dell’eroina spartana, figlia di Leda e di Zeus e sorella dei Dioscuri e di Clitemnestra.

Nell’Elena datata al 412 a.C. Euripide ci presenta una versione delle vicende mitologiche abbastanza sconcertante, ispirata all’opera, più antica della sua, che era stata composta dal poeta siciliano Stesicoro (630 a.C. – 555 a.C.), il quale sosteneva che la vera Elena non era mai andata a Troia. La figura femminile dell’Elena euripidea, tuttavia, ci appare come un personaggio nuovo, le cui peripezie hanno poco a spartire con quello che la fama, in base alla tradizione, raccontava di lei, additandola come un’adultera che aveva portato il mondo alla rovina. Anche l’Encomio di Elena del retore siceliota Gorgia (485 a-C- – 375 a.C.) appare una difesa dell’Argiva, considerata innocente riguardo alle colpe che le venivano attribuite. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

“LE COLPE DELLA NOTTE” di Antonio Lanzetta (LA CORTE EDITORE)

RubriCate

Cristian Scalea, ragazzo sensibile e problematico, perde i genitori nel peggiore dei modi: per omicidio-suicidio. Il padre, commissario di polizia, si spara con la stessa pistola con cui ha appena freddato la moglie.

Almeno così parrebbe.

La disperazione per l’accaduto è accresciuta dal senso di colpa di Cristian, uscito di casa poco prima del delitto, in seguito a una furibonda lite con il papà.

L’orfano è mandato nella casa famiglia di Castellaccio, paese di montagna già scenario di efferate uccisioni di ragazze e bambine. All’arrivo del giovane si riattivano orrori sopiti che si intrecciano misteriosamente proprio con l’inchiesta sulla morte violenta dei coniugi Scalea.

In Italia, si sa, c’è la tendenza a incasellare i libri in un genere riconoscibile, e sono dovuta andare su IBS per vedere come fosse catalogato questo magnifico romanzo.

Le colpe della notte” di Antonio Lanzetta, La Corte Editore, è etichettato come thriller, ma è decisamente molto di più. È un libro che pare respirare. Risucchia il lettore in una irresistibile fascinazione, ed emana atmosfere familiari a chi, come me, si è formato sul grande horror della letteratura anglosassone, il gotico, la fiaba nera, il fantasy e il mondo nerd. Continua a leggere

Pubblicato in rubricate | Contrassegnato , | 1 commento

Giovanni Petronio – I ragazzi della Fiumarella (Link)

Risultati immagini per Giovanni Petronio – I ragazzi della FiumarellaRecensione di Martino Ciano

Chi si ricorda del più grave deragliamento della storia italiana? Tengo a precisare, deragliamento, non incidente ferroviario?

Avvenne il 21 dicembre del 1961, in Calabria, nei pressi di questo torrente, in provincia di Catanzaro. Morirono 71 persone, perlopiù studenti e la maggior parte di questi era di Decollatura. Un’intera generazione venne spazzata via, perché in quei vagoni che si staccarono improvvisamente dal locomotore, per poi precipitare e schiantarsi sulle sponde della Fiumarella, c’erano le giovani speranze di una terra che ancora oggi lotta a perdifiato per ritrovare un senso.

Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento