Musica Sull’Abisso – Tour

Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in editoria, femminicidio, Nessuna più, presentazioni, racconti, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | 8 commenti

Tu, io e Proust – puntate dalla 7 alla 19

Siamo rimasti un po’ indietro con la rubrica di Stefano Rossini e Andrea Polazzi, così cerchiamo di recuperare proponendovi le puntate rimanenti prima che parta, a breve, la nuova rassegna di Tu, io e… Proust

Puntata 7

L’Outsider del re del brivido Stephen King e Scrittura Cuneiforme di Abdolah

Puntata 8

Delitto alla Rovescia di Ellery Queen e aSuono della Solitudine di Michele Marziani Continua a leggere

Pubblicato in Tu, Io e Proust, Uncategorized | Lascia un commento

Grandangolo: “LA SOLITUDINE DEGLI AMANTI” di FABIO MAZZEO (CAIRO)

Risultati immagini per "LA SOLITUDINE DEGLI AMANTI" di FABIO MAZZEORecensione di Marco Valenti

A Roma c’è un incubo serial killer. Anche in Italia capita di sentirsi come in una serie TV statunitense. Quelle che da loro vanno via cavo e che noi adoriamo guardare in streaming online. In modo più o meno legale. Ma questo è un dettaglio secondario che è bene non approfondire ulteriormente, potrebbe portarci in territori molto poco vicini alla “legalità”. Quindi torniamo al libro e dimentichiamoci quello che ho scritto.

A Roma c’è qualcuno che prende di mira le donne. Gli eventi raccontano di morti “bizzarre”, in luoghi desueti. Situazioni che non possono non richiamare il caso di un femminicidio irrisolto risalente ad un anno e mezzo prima. Il caso si presenta non privo di difficoltà, dal momento che le vittime, appartenenti alle classi sociali più agiate, paiono non avere legami di alcun tipo tra loro. A completare il tutto, sul luogo del ritrovamento compare puntuale un biglietto di carta su cui sono trascritte alcune parti del testo di “L’amante” di Ivano Fossati.

Ad investigare sarà una coppia tanto eterogenea quanto affascinante. Un ispettore, Giannini, in cerca di riabilitazione professionale dopo aver visto compromessa la propria carriera in seguito ad alcune calunnie infamanti, ed un magistrato, la dottoressa Cannata, donna determinatissima che antepone la verità a qualunque altra cosa, compresa la propria vita privata. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: Grandangolo, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Tu, io e Proust – Puntata 6

In questa scoppiettante puntata Stefano Rossini si dedica alla lettura di “Borne” di Jeff VanderMeer mentre il suo indegno collega, Andrea Polazzi, si trastulla con “Il bizzarro incidente del tempo rubato” di Rachel Joyce

Pubblicato in Tu, Io e Proust | Lascia un commento

Grandangolo: “CENSURA SUBITO” di IAN SVENONIUS [NERO EDITIONS]

Risultati immagini per "CENSURA SUBITO" di IAN SVENONIUSRecensione di Marco Valenti

Ian Svenonius, icona della controcultura e colonna portante dell’underground statunitense di Washington D.C. sveste i suoi panni di musicista per tornare a recitare il ruolo di scrittore/provocatore. E lo fa alla grande con questo “Censura subito!!!” Il volume, edito in Italia grazie al lavoro della Nero Editions, raccoglie le sue riflessioni sulla cultura di massa che ci circonda, individuata come il peggiore dei mali possibile. Non a caso la sua provocazione iniziale si indirizza proprio verso la censura e sul suo ruolo salvifico per le nostre esistenze. “Abbiamo bisogno della censura. Abbiamo bisogno di censurare le radio e i giornali, di censurare i libri, l’industria cinematografica, la musica, le arti. La tanto osannata libertà creativa ha dato vita a un ambiente tossico, che cova violenza inespressa e ci consegna alla depressione, al suicidio, allo sterminio”.

La sua fine provocazione ha un background sociologico di tutto rispetto, figlio di una militanza in prima persona, ben lontana dalle innocue invettive dei nostri intellettuali da salotto che mai hanno messo piede in strada sfidando in prima linea quelle istituzioni che dicono di voler attaccare alla radice.

“Siamo più che mai circondati da contenuti idioti.

E quindi più, più, più censura!

Proibire, bruciare, abolire!”. Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Jessica Knoll: “La sorella preferita” (Mondadori. Trad. di Giulio Silvano)

Risultati immagini per "La sorella preferita" (Mondadori. Trad. di Giulio Silvano)Jessica Knoll (2018) The Favorite Sister. Simon & Schuster.

Il romanzo, scritto Per le donne che sanno cosa si prova tratta delle donne nel mondo dei reality negli USA, in particolare di 4 donne ‘alternative’ (lesbiche, madri single…) che hanno inventato uno show per ridefinire l’identità femminile. Riusciranno le Big Sisters del romanzo a realizzare il loro ambizioso progetto?

La solidarietà tra donne è potente.

Così potente da uccidere. Soprattutto donne.

Ti-Grace Atkinson

L’elogio del paratesto giustifica la definizione di ‘thriller’ (in copertina), oltre a sottolineare la centralità dei rapporti tra donne. La forza involutiva che si ritorce contro chi ci tiene di più: una sorellanza che arriva ad uccidere le sorelle. La femminista Phillis Chesler, citando Atkinson parla dell’omertà che spesso regna sulla realtà dei rapporti tra donne specificando che “la solidarietà femminile si è costruita e nutrita sulla loro infelicità” (La femminsta Phillis Chesler rompe il silenzio e parla dell’odio). Continua a leggere

Pubblicato in recensioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

“La nota imperfetta” di Annalisa Frontalini (Infinito Edizioni)

Recensione di Raffaella Tamba

Spesso poesia e musica vengono accomunate, come forme diverse ma equipotenti nell’espressione dei sentimenti più intimi.

Annalisa Frontalini, marchigiana, laureata in Scienze Politiche, direttrice artistica della rassegna letteraria e musicale In Art, sceglie proprio il richiamo alla musica per questa sua raccolta di versi: la nota imperfetta. Come aggettivo di nota ci aspetteremmo “dissonante”, invece lei sceglie il termine “imperfetto” che non esprime la stessa sgradevolezza dell’altro. Anzi, sembra quasi un ripiego umile e avvolgente. Una nota imperfetta suona come qualcosa di profondamente umano, un pensiero tollerante, una propensione all’umiltà e all’accettazione.

Così, in silenzio

Dai nostri occhi migrano dolori passati

Mentre le nostre mani dipingono gioie future

Senza stare a pensare che per sempre non esiste. Continua a leggere

Pubblicato in poesie, recensioni, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

“A colpi d’ascia” di Thomas Bernhard (Adelphi)

Risultati immagini per A colpi d’ascia – Thomas BernhardRecensione di Martino Ciano

Qualcuno dice che basta leggere un libro di Thomas Bernhard per leggerli tutti, ma così non è. È un autore complesso proprio perché la sua scrittura è monotematica, dunque, ripetitiva, pertanto, ingarbugliata sintesi di una visione universale che tende al dissolvimento di ogni struttura metalinguistica. Ogni opera contiene tutte le altre opere e ogni pagina porta il lettore su un abisso che lui non riesce ad accettare. Nel momento in cui volgiamo lo sguardo verso il fondo, restiamo come ipnotizzati. Ed è questo il vero problema della prosa di Bernhard, per il sottoscritto la migliore del Novecento, riuscire a resistere a questo fiume di parole annichilente, che prima ti travolge, poi, ti accarezza, poi, ti fa riflettere, poi, ti fa sentire spaesato, poi, alla fine, all’ultima pagina, al culmine della sopportazione, ti regala un sorriso.

Bernhard è ironico. I suoi personaggi sono grotteschi. Per quanto non si spinga in descrizioni, non possiamo non immaginare i suoi personaggi come le figure umane che costellano i quadri di Otto Dix. Egli infatti non mostra, bensì spiega, e spiegando ti confonde, perché il compito della sua scrittura è rendere visibile la parte di verità che sta nella menzogna, poiché nel suo verso infinito tutto è falsità e contraffazione. I suoi personaggi sono uomini immersi nel grigiore che lottano per apparire diversi da ciò che sono intimamente. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento