APPUNTAMENTI 2017

sabato 11 novembre

Libroguerriero Book-party

sabato 18 novembre: Bookcity

ore 19.30 Palazzo Morando

con Romano De Marco, Nicola Verde e Marcello Simoni

*****

mercoledì 21 novembre: Funo

Biblioteca, via Don Pasti, 80

con Giulia Bandini e Elisa Tamburini

Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in editoria, femminicidio, Nessuna più, presentazioni, racconti, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

“Mary Shelley e la maledizione del lago” di Adriano Angelini Sut (Giulio Perrone Editore)

Recensione di Patrizia Debicke 

A duecentoventi anni dalla nascita di Mary Godwin, poi Mary Shelley (1797-1851), Adriano Angelini Sut ci regala una sorprendente biografia romanzata che ricostruisce la vita della straordinaria autrice di Frankenstein. Ci parla delle sue origini, della morte della madre nel metterla al mondo, dell’infanzia, dell’adolescenza vissuta nel colto clima familiare della loro casa, dove si avvicendano gusti e idee degli scrittori e degli intellettuali amici del padre. La sua educazione segue i precetti della madre, letterata e femminista ante litteram, e dunque “letture, letture, e ancora letture… autodisciplina, onestà, abnegazione, addestramento alla curiosità e soprattutto un grande utilizzo della ragione”. Poi, a sedici anni, il colpo di testa, il grande amore, la follia che la spinge a sfidare tutte le regole della società britannica, con la sua fuga in Europa con il giovane Percy Shelley, poeta ventunenne ma già sposato e padre di due figli. Con loro, ambigua complice, la sorellastra Claire. Da quel momento, Mary diverrà la più convinta paladina di una libertà inimmaginabile per quei tempi, esaltata anche dalla “pericolosa amicizia con lo scandaloso” poeta Lord Byron. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

“Le nostre anime di notte” di Kent Haruf (NN Editore)

di Elisa Della Scala

Tu non hai paura di morire?

Meno di prima. Sono arrivato a credere in qualche tipo di vita dopo la morte. Un ritorno alla nostra vera essenza, un’essenza spirituale. Abitiamo in questo corpo fisico finché non torniamo allo spirito.

Io non so se credo in queste cose, disse Addie. Magari hai ragione tu. Lo spero.

Vedremo, giusto? Non ancora, però.

No, non ancora, rispose Addie. Amo questo mondo fisico. Amo questa vita insieme a te. E il vento e la campagna. Il cortile, la ghiaia sul vialetto. L’erba. Le notti fresche. Stare a letto al buio e parlare con te.

Non ho letto altri libri di Kent Haruf (nella foto sotto), ma questo piccolo capolavoro di sentimenti è bastato per farmi innamorare della sua scrittura. Una scrittura estremamente semplice e allo stesso tempo intensa, evocativa. “Le nostre anime di notte” in circa 150 pagine parla di poco, si potrebbe dire che quasi non abbia una trama. Eppure, parla di moltissimo. Racconta la tenerezza di un mondo interiore che dovrebbe essere inaridito dagli anni e che, invece, è capace di trasformarsi in un ultimo giardino fiorito. Sono forse le lacrime mai spese dai due protagonisti a fare il miracolo, a trasformare il dolore di una vita in linfa vitale che faccia sbocciare finalmente le loro esistenze proprio quando si presuppone dovrebbero finire nel deserto in cui sono state confinate? Continua a leggere

Pubblicato in recensioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

“La moglie imperfetta” di B.A. Paris (Casa Editrice Nord)

Recensione di Patrizia Debicke 

La moglie imperfetta dimostra immediatamente che l’autrice ha scelto di seguire una trama in sintonia con il suo primo thriller, La coppia perfetta, in cui il lettore si trovava a scoprire le spaventose pecche di quello che, pur con minuscole ma inquietanti crepe sulla facciata, sembrava un matrimonio perfetto. Scopriamo infatti ben presto in La moglie imperfetta che si tratta di un angosciante universo femminile vissuto in prima persona, dove domina l’incubo ossessionante di una invalidante malattia. 17 luglio, dopo una serata tra colleghi insegnanti prima delle vacanze estive, il tempo ci mette lo zampino e abbiamo un incipit che ci regala (ricordate Snoopy) la classica notte buia e tempestosa, con lampi seguiti da fragorosi tuoni accompagnati da acqua a catinelle. Cass, prende la macchina per tornare a casa e, nonostante che Mattew suo marito le abbia suggerito per telefono di non tagliare per la scorciatoia di Blackwater Lane, lei che ha fretta, non l’ascolta e si trova con la sua Mini a percorrere una strada buia e pericolosamente allagata. Attraverso la cortina di pioggia, scorge un’auto ferma in una radura, con una donna al volante. Si ferma subito dopo lungo la carreggiata, ma non scende di macchina per andare a controllare, perché è istintivamente intimorita. Indugia un po’ prima di ripartire, più tranquilla e convinta che se la conduttrice avesse avuto bisogno di aiuto, le avrebbe fatto cenno con il clackson o con i fari. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

RubriCate: UNO STERMINIO DI STELLE di Loriano Macchiavelli (Mondadori)

Recensione di Caterina Falconi

A saper frugare sotto le righe, spesso il nucleo tematico di un romanzo è poco dopo l’incipit. Più o meno esplicito, si trova lì, dove l’autore ci conduce per illustrarci il percorso. Condensato in un antefatto, o in un’immagine, dà il la e ritma la trama come una sorta di solfeggio narrativo.

Il nucleo tematico di questo splendido “Uno sterminio di stelle”, del grande Loriano Macchiavelli (nella foto sotto), è la voragine. La buca. Rappresentativa del sottosuolo svelato, del passato sotteso al presente, del buio cuore dell’uomo, degli antefatti criminali e amorosi. Edilizia, architettonica o esistenziale la buca è anche il varco in cui convergono le storie e si abbozza un senso sfuggente alle vicende. Il suo corrispettivo celeste è la “Buca della Giacoma”, una voragine di buio profondo nella stellata, dove precipita un terzo del cielo. Continua a leggere

Pubblicato in rubricate, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

Sul comodino della Rambaldi: ULTIMO COMPLEANNO di Simona Leone (FRATELLI FRILLI EDITORI)

 

Simona Leone, 1972, Castellamonte (TO). Diplomata in lingue, lavora in una multinazionale del settore automotive. Ultimo compleanno è il suo romanzo d’esordio.

Un bambino si nasconde sotto le coltri, da tempo dorme a fatica nel timore delle crudeli punizioni del padre, e dormendo poco ne risentono anche i risultati scolastici. Per ogni voto al di sotto del 7 gli spettano 10 cinghiate. Il poverino si sforza di accontentare il genitore in tutto e di essere sempre gentile ed educato, ma quello che il padre non riesce assolutamente a perdonargli è la pinguedine. L’idea di un figlio grasso non riesce proprio a mandarla giù.

Lisa, 25 anni, giornalista free lance, divorziata da un marito violento, ha una figlia di 7 anni, Sofia, e una madre inaffidabile. Le uniche persone su cui può contare sono l’amica Milena, ex avvocato, e il vicino di casa Guido.

È una ritardataria cronica, fin dal mattino accompagna la figlia a scuola all’ultimo momento e viene rimproverata dal bidello, i ritardi poi si ripercuotono anche nella consegna dei suoi articoli ai giornali e ogni volta viene battuta in velocità dalla concorrenza. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi | Contrassegnato , | 1 commento

“Nella terra del sole che sboccia” di Marco Gregò (I buoni cugini editori)

di Raffaella Tamba

Al centro di questo originale e sorprendente romanzo scritto dal giovanissimo Marco Gregò (nella foto sotto), è il tema del ricordo non come un elemento del passato da conservare relegato in un piccolo cantuccio della mente, ma come essenza viva e tangibile della vita di ogni giorno.

I ricordi sono il filo conduttore della narrazione che si svolge su più binari paralleli: quello del protagonista Albatro, io narrante in prima persona, in una sorta di racconto immediato, spontaneo, senza filtri; quello di Albatro in forma di diario, più sommesso e quasi lirico; quello di due cani abbandonati, Cane Grigio ed Oliver che rappresentano la prospettiva più intima delle emozioni dei protagonisti umani. Intorno ad un medaglione con al centro la lettera A, ritrovato dal cucciolo Oliver, Cane Grigio, con un registro linguistico leggero e poetico come quello delle fiabe, tesse la trama di una storia che inizia come una favola improvvisata e acquista via via realismo e passione fino a diventare la trama principale del romanzo. I capitoli alternano i tre punti di vista, offrendo al lettore la visione a 360° delle emozioni di un giovane alla ricerca della realizzazione professionale, della ragazza perduta e della felicità.

Albatro è uno scrittore mancato, alla stanca ricerca di qualcuno che accetti il suo libro, un libro diverso da tutti gli altri, perché lui non voleva seguire le strade semplici per arrivare al successo: “Non sopportava l’idea di accaparrarsi il cuore dei lettori facendo leva sulle loro ferite più profonde. Pensava che fosse troppo semplice arrivare al cuore degli altri con la morte. Lui voleva arrivarci con la vita”. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Recensioni al massimo: “Tempo da elfi. Romanzo di boschi, lupi e altri misteri” di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli (Giunti)

di Massimo Ricciuti

A Casedisopra, sull’Appennino tosco-emiliano, il tempo scorre lento e tutto sembra immutabile. In realtà, una nuova comunità si è insediata nella zona: sono gli Elfi, che vivono senza elettricità, senza comodità e praticano il baratto. Un grosso cambiamento è in vista anche per l’ispettore della Forestale Marco Gherardini, detto Poiana: il suo Corpo di appartenenza sta per essere assorbito nell’Arma dei Carabinieri. La tranquillità del luogo è scossa da due colpi di fucile e dal ritrovamento del cadavere di un giovane elfo, che nessuno pare conoscere. In assenza del maresciallo dei Carabinieri, tocca proprio a Poiana occuparsi del caso. Il forestale si scontra con la reticenza degli elfi, poco inclini a parlare dei fatti loro, soprattutto con i rappresentanti dell’autorità costituita. Un aiuto gli verrà da Elena, un elfo destinato a entrare nella sua vita e forse a restarvi. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni al massimo, Uncategorized | Contrassegnato , , | 1 commento