L’occhio di vetro

Giuseppe Ferrandino ha letto l’antologia “L’occhio di vetro” a cura di Daniele Maria Pegorari (Mursia)

e ha scritto, a proposito del racconto di Marilù Oliva, Quando lei sparì nel nulla:

“Una situazione familiare difficile. Una donna scomparsa. Uno scandalo per la chiesa del paese. La solida certezza del brigadiere che nessuno sparisce nel nulla, perché il nulla non esiste. Esiste piuttosto la crudeltà dell’impatto di un sogno con la terribile realtà. È la storia di tanti femminicidi che sono avvenuti nella nostra penisola nel corso degli anni, alcuni più scabrosi, altri meno, ma tutti facilmente dimenticati dopo che hanno perso la loro “notiziabilità”.Questo racconto non è il classico noir/thriller con le ridondanti descrizioni del corpo della vittima e della scena del crimine, bensì è un esempio di quella letteratura che sottrae all’oblio, che indaga i meccanismi di quel sogno (in questa storia, sogno di amore e di maternità) che si sono interrotti e hanno provocato la sua trasformazione in incubo.”

Amazon.it: L'occhio di vetro: Racconti del Realismo terminale - Cristò,  Fais, Matteo, Golisch, Stefanie, Guglielmin, Stefano, Kostka, Izabella  Teresa, Lucrezi, Eugenio, Oliva, Marilù, Ritrovato, Salvatore, Pegorari, Daniele  Maria, Oldani, Guido - Libri
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...