Daniele Autieri – Ama il nemico tuo (Rizzoli, collana Nero)

Risultati immagini per Daniele Autieri – Ama il nemico tuo (Rizzoli)Recensione di Marco A. Piva

Alex Power, broker in un’importante banca della City di Londra, separato con un figlio che ha paura dei suoi sbalzi d’umore e del suo comportamento distruttivo; Priscilla Sinni, magistrato in carriera della Procura di Roma, sposata con due bambine piccole e un amante focoso; Erik Josten, medico parigino che lavora in un campo profughi in Turchia, vicino al confine con la Siria, avendo lasciato a Parigi l’amatissima compagna incinta.

Erik è impelagato in un traffico d’armi: ha bisogno dei soldi per saldare certi debiti, quindi approfitta del suo status di medico, quasi di eroe, per attraversare facilmente il confine, e per questo finisce per sentirsi chiedere un favore ancora più grosso; ad Alex viene offerta un’enorme somma di denaro da un cliente arabo per un trasferimento di denaro sporco; Priscilla viene ricattata con minacce alla famiglia perché consenta l’entrata clandestina in Italia di un certo individuo proveniente dalla Siria. Inizialmente rifiuta, ma quando il marito riceve fotografie che mostrano prove chiare della sua avventura extraconiugale si vede costretta a cedere temendo che chi la ricatta possa far del male alle figlie. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

Storie segrete della storia di Padova, di Silvia Gorgi (Newton Compton Editori)

Risultati immagini per Storie segrete della storia di Padova, di Silvia Gorgi (Newton Compton)di Raffaella Tamba

Silvia Gorgi (nella foto accanto)laureata in scienze politiche, ha una grande passione per il giornalismo e per la condivisione della Cultura Interessante (con la I maiuscola) che trapela dall’entusiasmo con cui sfrutta i media di oggi, radio, cinema, fotografia, televisione, talkshow, per raccontare l’arte e la storia in modo rigorosamente vero e fortemente avvincente. Ci era riuscita con il libro Forse non tutti sanno che a Padova…uscito con Newton Compton nel 2017 e con questo suo nuovo lavoro, di pochi mesi fa, prosegue il suo percorso divulgativo, accompagnando il lettore in una storia completa, che lo conquisti alla sua città, che presenta dalle sue origini ad oggi: da Prima che Padova fosse Padova (XII-X secolo a.c.) alla creazione del Museo della Padova Ebraica nel 2015. In un lungo, affascinante viaggio virtuale, l’autrice ci parla di luoghi, personaggi, eventi, che sono poco noti ma che vale la pena di conoscere come manifestazioni di una vivacità culturale, artistica e sociale che si è espressa tanto nella comunità cittadina considerata nel suo complesso quanto in singoli individui, uomini e donne, che, forti di una personalità ricca e coraggiosa, meritano di essere ricordati e ammirati. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

Sul comodino della Rambaldi: Non sarò mai la brava moglie di nessuno di Nadia Busato (SEM Libri)

Risultati immagini per Non sarò mai la brava moglie di nessuno di Nadia Busato (SEM Libri)Nadia Busato collabora con Grazia e il Corriere della Sera, scrive per teatro, radio, cinema e televisione e ha esordito come autrice col romanzo “Se non ti piace dillo. Il sesso ai tempi dell’happy hour” (Mondadori Editore).

Il primo maggio doveva essere la giornata di Evelyn Francis McHale perché, senza averne mai sentito parlare, dopo aver visto per la prima volta in internet la foto del suo bellissimo cadavere, sprofondato nel tettuccio di una Cadillac, apro il libro “Non sarò mai la brava moglie di nessuno” di Nadia Busato e rivedo la stessa foto sul retro di copertina.

Dopo anni di ricerche e interviste Nadia Busato ha riportato in un libro l’inconsueta storia di Evelyne McHale.

Una mattina del 1° maggio 1947 una giovane impiegata sale sulla terrazza panoramica all’86° piano dell’Empire State Building e si lancia nel vuoto. Dalla sua costruzione, il grattacielo, ha totalizzato solo 36 suicidi (contro i 360 della Torre Eiffel), di cui 17 dalla terrazza panoramica dell’86° piano. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi | Contrassegnato , | Lascia un commento

“In perfetto orario” di Luca Rinarelli (Goware)

Risultati immagini per “In perfetto orario” di Luca RinarelliRecensione di Edoardo Todaro

Torino, ma anche Genova, è il luogo in cui si dipana la trama del libro. Una Torino alle prese con l’avvicinarsi delle olimpiadi invernali ed i lavori ad essa connessi. Ovviamente abbiamo a che fare con omicidi e morti conseguenti, ma in questo caso non siamo di fronte ad alcuna indagine investigativa. Ci troviamo ad avere a che fare con una realtà oggettiva, quella di due mondi in dissoluzione: quello dell’Est Europa e quello della Torino capitale dell’industria metalmeccanica coi i suoi scheletri di fabbriche abbandonate e divenute rifugio per chi ha non ha più niente. Dalle ceneri di questi due mondi si intrecciano le vite dei personaggi di questo noir. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

Sul comodino della Rambaldi: “Le caramelle di Rossana” di Rossana Girotto (Evolvo edizioni)

Risultati immagini per le caramelle di rossana girotto

Rossana Girotto, ribattezzata da Andrea G. Pinketts La Poetrice.

Ha vinto diversi concorsi letterari, organizza rassegne, è autrice radiofonica, ed esperta di Oscar Wilde.

Le caramelle di Rossana sono dieci storie per bambini di ogni età. Nel corso degli anni alcune hanno vinto concorsi letterari, altre fanno parte della performance teatrale: Le Favole Musicanimate, dove i testi, letti da attori, sono accompagnati da musica e illustrazioni:

Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

Sul comodino della Rambaldi: Acqua alta nei caruggi di Giuseppe Chiara (Todaro)

Risultati immagini per Acqua alta nei caruggi di Giuseppe ChiaraGiuseppe Chiara, Genova, ha già pubblicato con Todaro Editore L’apprendista imbianchino.

Aver avuto 15 anni nel ’68 lo hanno segnato per sempre, era convinto che l’immaginazione avrebbe conquistato il potere e invece ha vinto la noia.

Topolino e Pippo rapinano l’Ufficio Postale, fanno mettere tutti faccia a terra, ma una cassiera sviene e le cose si complicano, in cassa poi c’è pochissimo e per ottenere il denaro della cassaforte perdono tempo prezioso.

Fuori, Olmo Vivera, l’autista della banda, (stesso mestiere e stessa abilità dei protagonisti dei film: Drive del 2011 e Baby Driver del 2017) sta per andarsene, quando Topolino e Pippo saltano in macchina togliendosi la maschera. Il primo è incazzato col secondo per aver insistito a voler scassinare la cassaforte col rischio di farli prendere.

Il piano era semplice e aveva già funzionato tante volte, ma stavolta sono costretti a filar via alla svelta contando solo sull’abilità di Olmo. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

“I BASTARDI DOVRANNO MORIRE” di EMMANUEL GRAND (ed NERI POZZA)

Risultati immagini per “I BASTARDI DOVRANNO MORIRE” di EMMANUEL GRANDRecensione di Edoardo Todaro

Ed ecco che l’ uscita dell’edizione italiana ci permette di fare la conoscenza di un autore, con il suo primo romanzo, Emmanuel Grand che va di fatto ad ingrossare le fila, già numerosa, di quanti in Francia si annoverano tra gli scrittori noir.

Un romanzo molto interessante che si svolge in una cittadina del nord della Francia, Wollaing.

È attorno ad essa che ruota la trama del romanzo. Ma per essere più precisi sarebbe giusto parlare di città-fabbrica visto che il romanzo prende sì spunto dalla cittadina ma è la fabbrica, la Berga con i suoi circuiti di laminazione, che ne è lo spunto, nella sua attività produttiva come nel suo epilogo trasformandosi in una fabbrica dismessa, in una cattedrale nel deserto.. Un noir che parla di come l’industrializzazione che portava ricchezza, benessere e dove “ gli uomini perdevano la salute” quando non ci lasciavano la vita,sia stata soppiantata, grazie alla crisi ed alle scelte degli affaristi di turno, dalla disoccupazione coi i suoi effetti collaterali come l’alcolismo, la tossicodipendenza, il non riuscire ad arrivare a fine mese o il non pagare il mutuo e…. ricorrere agli strozzini. Una descrizione attenta e precisa di cosa significhi la centralità della fabbrica e dell’esplosione della contraddizione capitale/lavoro, la classe operaia come motore dello sviluppo economico. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento