Libri in viaggio – Cile 2 di Elisa Della Scala

Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”,

Luis Sepúlveda – Guanda

Il mondo alla fine del mondo”,

Luis Sepúlveda – Guanda

Chilean Electric”,

Nona Fernández – Edicola Ediciones

Luis Sepúlveda s’impone nel panorama letterario del Cile come un personaggio profondissimo, uno scrittore dalla vita straordinaria dotato di una capacità narrativa fuori dal comune che in molte occasioni ha messo al servizio di battaglie politiche e ambientaliste, offrendo ai suoi lettori libri dalla prosa agile e dalla trama accattivante ma allo stesso tempo molto intensi. Romanzi, per lo più brevi, che scivolano dentro l’animo senza pretese messianiche ma che inevitabilmente pongono domande, che fanno pensare.

Prima di scrivere “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, tradotto e pubblicato per l’Italia da Guanda, Sepúlveda si dedica a un intenso lavoro di studio dell’Amazzonia. A Quito, in Ecuador, prende parte a una spedizione dell’UNESCO dedicata all’influenza del contatto con la civiltà occidentale sulla vita degli indios Shuar, gli abitanti originari di quel luogo. Vive con loro per sette mesi ascoltando, come scrive nella dedica del libro, “racconti traboccanti di magia” su un affascinante e sconosciuto mondo verde. L’esperienza gli permette di capire a fondo il legame di amore e rispetto tra quella popolazione rurale e l’ambiente naturale, e il risultato è un piccolo capolavoro letterario che rappresenta un grido d’amore per l’America Latina e le sue foreste, oltre che una riflessione profonda sulla responsabilità’ dell’uomo nei confronti dell’ecosistema. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: travel books, Uncategorized | Contrassegnato , , | 1 commento

Sul comodino della Rambaldi. LA VINCITA di Ida Ferrari (Golem)

 

Con questo romanzo Ida Ferrari ha vinto il terzo premio del Festival Giallo Garda nella sezione inediti. L’autrice ha pubblicato il romanzo Blackmail, Curcio Editore (con lo pseudonimo di Carol J. Keaton), la raccolta di 13 storie Torte gemelle, Delmiglio Editore, e tanti racconti in prestigiose riviste e antologie.

Jacob Mossi, dirigente della MyMilano Leasing sta tornando da una vacanza sulle Dolomiti con la moglie Mariavittoria e la figlioletta Alice a bordo di un potente fuoristrada quando urta un masso caduto sulla carreggiata. Il tempo di mettere in salvo la famiglia e il SUV precipita in un dirupo.

L’SMS di Klara, la bella ucraina ventenne conosciuta in palestra con cui da mesi tradisce la moglie lo leggerà in ritardo.

Il messaggio dice semplicemente “807346 t.p.”

Col poco tempo a disposizione per i loro incontri i discorsi con Klara sono sempre stati superficiali e quel biglietto acquistato in un grill rappresenta solo il ricordo di una bella giornata trascorsa insieme. Jakob si è limitato a trascrivere numero di serie e data dell’incontro, 31 dicembre, prima di affidarlo alle tasche di Klara. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi | Contrassegnato , | Lascia un commento

“L’arrivo di Saturno” di Loredana Lipperini (Bompiani)

 

di Marilù Oliva

«Ci sono state altre vibrazioni. Una, in particolare, che ha spinto Dora e Graziella verso i loro destini, potente e forse contrastabile, e se quel contrasto ci fosse stato, ora sarebbero ancora amiche e avrebbero esistenze diverse»

Un libro la cui stesura è durato circa quattro anni e mezzo. Un libro che arriva dopo un percorso significativo nell’ambito della scrittura, perché l’autrice, la giornalista Loredana Lipperini, ha pubblicato diversi saggi – tra i quali cito Non è un paese per vecchie (Feltrinelli, 2012) ma anche L’ho uccisa perché l’amavo. Falso! (2013, Laterza, scritto con Michela Murgia) e tre romanzi fantasy firmati con lo psudonimo di Lara Manni, usciti per Fazi. “L’arrivo di Saturno” (Bompiani) mescola la grande storia con la S maiuscola, all’inventio proprio dell’arte, delineando eventi epocali dove si muovono esistenze autentiche anche quando sono rivisitate dalla finzione. E, anzi, in virtù di questa magia, ancora più potenti. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni | Contrassegnato , , | 1 commento

Sul comodino della Rambaldi: LA FARFALLA NELL’URAGANO

LA FARFALLA NELL’URAGANO

di WALTER LUCIUS

MARSILIO FARFALLE

Walter Lucius è autore teatrale, sceneggiatore e produttore e ha realizzato diversi documentari per il governo olandese sull’integrazione dei migranti. La farfalla nell’uragano è il primo episodio di una trilogia in prossima uscita nei principali paesi europei.

Confesso che leggendo le prime pagine de La farfalla nell’uragano nel ritrovare la ragazzina prigioniera che fugge ferita dal bosco per finire sotto un’auto di passaggio mi ha riportato alla mente l’avvio de Il domatore di leoni di Camilla Lackberg della stessa collana Farfalle di Marsilio, ma poi la storia prende un’altra piega e Walter Lucius sa come conquistare il lettore. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

RubriCate: Storia nera di un naso rosso di Alessandro Morbidelli (Todaro Editore)

Leggendo le dense pagine del nuovo, ammaliante romanzo di Alessandro Morbidelli (nella foto sotto), chi ha letto Stephen King non può fare a meno di rammentare una frase ricorrente nel romanzo “Pet Sematary”: Il cuore di un uomo è più duro di una pietra. Se poi quell’uomo è un medico, squassato da una soverchiante empatia, obbligato per il ruolo che ricopre a un decisionismo quasi coatto in faccende di vita o di morte, inevitabilmente sarà attraversato da una tentazione di onnipotenza che spaccherà il suo duro cuore in due, aprendo un varco all’ombra.

La durezza del cuore di Kinghiana memoria probabilmente allude all’ostinazione del desiderio. Siamo creature parziali e deformate (una parzialità e una deformità che Alessandro Morbidelli sottolinea nella sottile descrizione dei suoi personaggi), in fuga da noi stessi su circuiti predisposti dalle nostre nevrosi e dalle manchevolezze che ci caratterizzano. E più corriamo più lo strascico d’ombra da cui vorremmo distaccarci si appesantisce dei detriti del percorso, facendoci deragliare con esiti imprevedibili. Questa pare essere la sorte del dottor Angelo Cantiani, giovane oncologo pediatrico e clownterapeuta, investito e distratto dalla propria compassione e pertanto esposto agli agguati del caso. Attorno alla sua dolente e sensuale figura, una costellazione di donne dipinte con rara finezza psicologica, segnate dalla perdita o da una mancanza, sempre in bilico tra scelte estreme, ma tutte accomunate dal filo rosso della maternità. Continua a leggere

Pubblicato in rubricate, Uncategorized | Contrassegnato , | 1 commento

BLOGGER:  Cecilia Lavopa

NOME BLOG:  CONTORNI DI NOIR

I tuoi dati biografici fondamentali

Sono Cecilia Lavopa e vivo a Milano. Sono assicuratrice e blogger, non per forza in questo ordine di importanza

Come nasce il tuo blog?

Nasce da un suggerimento di Alessio Valsecchi de La Tela Nera, dopo aver saputo che il forum di Qlibri in cui ero moderatrice del genere Thriller/Giallo/Noir sarebbe stato chiuso. Un po’ per scherzo, un po’ per sfida, ci ho provato ed eccomi qui.

Qual è la sua filosofia di fondo o il suo motore?

Tranne gli editori a pagamento, diamo l’opportunità sia agli autori emergenti che i self-publisher di avere un piccolo spazio, potrebbe sempre nascondersi qualcuno meritevole. Anche perché i grandi autori non hanno bisogno della nostra visibilità (o si?). Fondamentale per me è l’assenza di pubblicità o banner di qualsiasi tipo. Anche se in molti mi dicono: “Ma ora che il tuo blog ha preso piede, perché non guadagnarci?” E io rispondo: “Anche no.” Non è per quello che l’ho fondato e sono sempre convinta che se venisse retribuito in qualche modo cambierebbe l’essenza di quello che è. C’è ancora molta confusione tra chi ancora pensa che prendiamo soldi per le recensioni o le interviste. E’ tutto gratuito e proprio per questo bisogna filtrare le richieste. Continua a leggere

Pubblicato in blogger, Uncategorized | Contrassegnato , | 2 commenti

Il terzo figlio di Sergio Rossi (San Paolo)

Recensione di Patrizia Debicke

Un romanzo destinato secondo le intenzioni dell’autore agli adolescenti ma che meriterebbe senz’altro una platea più ampia e variegata.

Sirso, protagonista e spesso voce narrante della storia, all’inizio ha appena quattordici anni, è al primo anno di liceo scientifico è ancora 1,63, un nanerottolo rispetto agli oltre metro e ottanta dei fratelli maggiori che guarda con invidia. Ma loro hanno dieci anni di più e ormai se ne sono andati da Bologna e si sono trasferiti a Milano lasciandolo da solo con i genitori e i loro problemi. Per fortuna Sirso dall’estate ha finalmente incominciato a crescere a vista d’occhio…

Prima liceo scientifico, non è un granché, soprattutto per un terzo figlio di una covata di successo che deve perennemente confrontarsi con la fama di due fratelli maggiori, Riccardo e Valeria, che hanno frequentato la sua stessa scuola, l’Enriques. Proprio loro due che riuscivano bene in tutto. Insomma al top in tutto: sport e materie e sempre amati dagli altri. Continua a leggere

Pubblicato in recensioni, teen | Contrassegnato , | Lascia un commento