“La signorina Zeisig e l’amico americano” di Kerstin Cantz (EMONS)      

Sul comodino della Rambaldi

Kerstin Cantz – Monaco – ha lavorato come giornalista freelance ed è stata redattrice presso una televisione privata prima di dedicarsi completamente alla narrativa e alle sceneggiature. Dal suo primo romanzo storico Die Hebamme è stato tratto un film.

“Bene, allora… i  coniugi Williams. A gennaio è prevista l’adozione del piccolo Paul.” Alzò gli occhi. “Una telefonata anonima ha detto?”

Elke annuì. “Venerdì scorso.”

“Il più delle volte sono le domestiche a contattare i servizi sociali. Tedesche che fanno le pulizie dagli americani, oppure le babysitter.”

“Succede spesso?”

“No, direi di no. Ma ovviamente seguiamo qualsiasi indizio in nostro possesso.” Margarete Rand si tolse gli occhiali. Gli occhi stanchi, azzurro chiaro si appuntano sull’interlocutrice. “Vede, signorina Zeisig, ormai sono vent’anni che trovo famiglie americane per i bimbi di Monaco. Soprattutto orfani dopo la guerra. A suo tempo una soluzione salvifica. Ora tocca ai figli illegittimi delle relazioni tra giovani donne e soldati americani, che in tal modo possono avere una vita migliore. Anche il piccolo Paul è nato da un legame di questo tipo.”

22 Novembre 1963.  Manca un mese Natale e a  Monaco di Baviera si respira aria di neve. Dopo il caso della bambina scalza, l’ispettrice Zeisig non ha più collaborato col commissario Manschreck della omicidi.  Elke non   è la solita bellona. Indossa una divisa scadente che fa sudare e che le sta malissimo, ha le calze smagliate, non si depila le ascelle, ma è  l’unica di tutta la sezione  femminile ad avere la patente. In quegli anni le  agenti devono restare nubili come suore,  immolarsi al lavoro, servire i poliziotti maschi  e limitarsi ad occuparsi di bambini e adolescenti in un triste ufficetto dalle  pareti verdi sprovvisto di tutto.

(la recensione prosegue a p. 2)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...