“Attraversare la notte” di Hervè Le Corre (e/o)

E talvolta cogliendola addirittura di sorpresa le entra in casa, minacciando il bambino e prendendola  a pugni e calci. E sarà proprio la sua ultima aggressione che porterà a incrociare il destino di Louise con quello del comandante Jourdan in questo thriller tragicamente amaro,  con azione e suspense pagina su pagina  in continua ascesa. 
Hervé Le Corre nei suoi precedenti  romanzi ci aveva affascinato per la qualità dei testi, l’intelligenza delle sue osservazioni e il carattere  dei personaggi. Stavolta tuttavia, pur  non avendo  perso nulla della sua straordinaria capacità descrittiva e  anche se i fatti narrati risultano assolutamente reali e credibili ci schiaccia quasi  con l’incontrollabile e folle violenza dei  personaggi e dei loro gesti. Solo due tra loro  riusciranno infatti  a brillare di fugace   luce e forse effimera: il piccolo Sam – del cui futuro si può temere per aver assistito a quello che sta passando sua madre – e l’ispettore Jourdan.
Hervé le Corre non ha scelto un percorso facile, basando il suo ultimo romanzo su quello che avrebbe potuto rappresentare  un trio ultra stereotipato. Un trio di personaggi  che abbiamo l’impressione di aver incontrato tante volte forse troppe  nei noir e nei thriller.
Vedi: Louise, la madre in pericolo, molestata e maltrattata dal suo ex, che si trascina un presente ingombro dei resti di un passato doloroso. E lo stesso Jourdan, il poliziotto sconvolto dai delitti e dalla miseria che lo circonda, in bilico tra tristezza e rabbia. Per non parlare del serial killer, mostruoso  femminicida dominato da una tossica  influenza familiare.
Ciò nondimeno la nostra prima impressione  svanisce rapidamente perché Hervé le Corre, con  bravura e polso di ferro  ci indirizza altrove  dall’ennesima indagine di polizia. Se sposa le linee di colpa e  fuga dei suoi tre personaggi, lo fa  a beneficio di una profonda riflessione, indagando, con inquietante acutezza, sulle origini del male e del crimine, inserito in un preciso contesto sociale.
Come restare immobili e impotenti di fronte all’oscurità di un certo  mondo? Hervé le Corre offre  con molta umanità la sua risposta destinata a  coloro che vivono ai margini, schiacciati da una vita senza scampo.  Descrive con toni duri ma privi di compiacimento le grida soffocate, i dolori sepolti, i sogni abortiti, lo stillicidio della paura, lo scivolamento nella rabbia sorda, la sofferenza dei deboli.
Questa notte permanente è tuttavia illuminata talvolta da alcuni raggi, in particolare con il bellissimo personaggio di Louise, ma questi bagliori sono solo  fugaci. E il terribile risultato finale lascia impotenti, confusi e sconvolti. Forse la luce è scaturita  in realtà solo dalla magistrale maestria dell’autore nel navigare nel genere thriller. La costruzione in primis, notevole intelligenza nell’accrescimento della tensione narrativa, nell’incrociarsi delle  diverse  linee narrative  fino alle  ultime cinquanta pagine di un’intensità mozzafiato.
Unico vero compenso la sua  scrittura cesellata, con una musicalità che arriva a flirtare con la poesia. Ma la trama dura e crudele non concede mai tregua.
Una grande scrittura per,  una storia di insolita oscurità, tradotta  magistralmente da Albero Bracci Testasecca, e che ci fa chiudere  il libro forse sollevati per averlo letto, ma anche e soprattutto  di essere arrivati alla parola fine. In questi tempi  tanto difficili  per tutti “Attraversare la notte” è un romanzo che non offre  distrazione, né gioia di spirito….

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...