“I misteri di Mercurio 6 – Il fiume del tempo” di Fiore Manni e Michele Monteleone. Illustrazioni di Andrea Oberosler (Emons Edizioni)

Recensione di Linda Cester

“Si mise allora a curiosare nello studio, girando tra i tavoli ammirata. Intere pile di fogli erano dedicate solo alle zampe dei cavalli, altre a studi anatomici e alle riproduzioni di piante e alberi e altre ancora a schizzi di ali di volatili. A Nina tremarono le mani quando sfilò da un mucchio di fogli un disegno inconfondibile, un uomo nudo con quattro braccia e quattro gambe, iscritto in un cerchio e, allo stesso tempo, in un quadrato. Gli occhi della ragazza si velarono di lacrime al pensiero di avere tra le mani l’Uomo di Vitruvio.”

Interessante e divertente la serie “I misteri di Mercurio” di Emons!raga, capace di far avvicinare i più giovani al mondo dell’arte attraverso storie avventurose raccontate da alcuni fra i più talentuosi autori per ragazzi del panorama italiano. Un modo intelligente e originale per far immergere i più giovani nella cultura e nell’arte, attraverso un linguaggio moderno, spigliato, vicino a loro, senza pedanteria o banalità, ma utilizzando anche le tecnologie più recenti – come quella del QR code – che consentono al libro di diventare vera e propria esperienza, un formato cartaceo che si arricchisce di una versione audio, un libro che è anche audiolibro e che all’interno, sparsi tra le pagine, nasconde espansioni audio con approfondimenti sui personaggi. Lo smartphone o il tablet si accompagnano quindi al libro, in perfetta combinazione fra loro, consentendo un utilizzo complementare fra i vari strumenti di cui i ragazzi dispongono ormai universalmente, in un’ottica moderna di lettura come esperienza a tutto tondo.

Nel sesto episodio – scritto da Fiore Manni e Michele Monteleone e illustrato da Andrea Oberosler – i tre giovani protagonisti della serie Nina, Lorenzo e Jamal si troveranno catapultati dalle sale del Louvre dei giorni nostri, dove sono in gita con la scuola, al Rinascimento italiano, con tanto di mantelli ingombranti e scarpe scomode, per aiutare nientemeno che il grande Leonardo Da Vinci in un’impresa tutt’altro che facile.

(la recensione prosegue a p.2)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...