LA TORCIA                                   

Dissimile  da tutte fin dalla nascita, si chiede  perché sia diversa dalla madre, dalle sorelle, da Andromaca, dalle Amazzoni e da Elena e si chiede a cosa servano gli dei.  

Hanno bisogno di motivi per fare quel che fanno?

Cassandra riceve segni premonitori,  intuisce oltre la cultura in cui è nata, infastidisce,  spaventa e si fa domande sul senso delle cose e su quel che ci guida per davvero.

È  in grado di predire il futuro ma è anche destinata a non essere creduta.

Quando  profetizza la guerra di Troia  nessuno l’ascolta.

Ma Cassandra non si ferma mai e diversamente dalle altre decide per la sua vita in  un posto come Creta dove le donne non studiano nel timore di diventare sterili. 

L’autrice mescola sapientemente verità e leggenda e reinterpreta la guerra di Troia. E ci lascerà curiosi di sapere come andrà anche per Achille, Ettore, Paride, Priamo, Aiace e Odisseo.

Il titolo La torcia viene da Ecuba, che prima di partorire Ettore e Paride  vede in sogno una  grande torcia che incendia Troia.

Un  libro che è anche un modo alternativo e avvincente per ripassare quel che avevamo studiato a scuola  e che forse non ricordiamo più.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...