“Un volo per Sara” di Maurizio de Giovanni (Rizzoli)                                             

Sul comodino della Rambaldi

Maurizio de Giovanni ha pubblicato per Rizzoli: Il resto della settimana, I guardiani, Sara al tramonto, Le parole di Sara, Una lettera per Sara, Gli occhi di Sara e l’antologia Sbirre con Massimo Carlotto e Giancarlo De Cataldo. Ha inoltre creato le serie bstseller del commissario Ricciardi, dei Bastardi di Pizzofalcone e di  Mina Settembre. Il suo ultimo libro è L’equazione del cuore (Mondadori).

“Dubito che Andrea voglia sapere qualcosa da te, Bionda. Credo piuttosto che voglia dircela.”

Andrea annuì soddisfatto, come un maestro davanti a una scolara perspicace:

“E tu come fai a dirlo, Mora? Sentiamo”.

“Primo, l’atteggiamento: hai l’aria di aver fatto una scoperta e fremi per rivelarcela. Poi, il tablet: vuoi mostrarci qualcosa, perché se avessi voluto solo farcelo ascoltare avresti portato un semplice registratore. Terzo deve trattarsi di una faccenda che riguarda in qualche modo il nostro passato: altrimenti non avrebbe avuto senso chiamare anche me. Devo andare avanti?”

Sara Morozzi, detta la Mora, vede quel che non si vede, legge le labbra e interpreta il linguaggio non verbale. Per lei gli altri non hanno segreti: smorfie,  espressioni, posture e gesti compongono i segni di un alfabeto che solo i suoi occhi  possono decifrare.  È  un’ex  agente di polizia, figlia di poliziotti, nipote di poliziotti, reclutata alla fine degli anni ‘80 dall’Unità di intercettazione e ascolto dei Servizi, che ha vissuto una passione di trent’anni per il suo capo Massimiliano Tamburi, l’uomo per cui ha abbandonato il marito e un figlio piccolo. Peccati ampiamente scontati con grandi sofferenze  dopo la morte di  Massimiliano, deceduto per  un male incurabile, e del figlio Giorgio, scomparso in un misterioso incidente.

Ora  Sara è una donna invisibile che non si trucca, non porta tacchi alti, e non tinge i capelli bianchi. Una donna che vive solo  per gli affetti rimasti: la nuora Viola e il nipotino, e per la cosa che sa fare meglio, indagare su quel che sembra chiaro a tutti ma non lo è.  

Stavolta è chiamata a investigare su un piccolo aereo da turismo diretto in  Sardegna sprofondato nel Tirreno. Un disastro imprevedibile viste le ottime condizioni  dell’apparecchio, del meteo e del pilota. A ventisette minuti dalla partenza il comandante Stefano Tomassi fa appena in tempo a segnalare lo spegnimento del motore di sinistra, seguito a ruota da quello di destra che una   serie di cicalini cominciano a suonare. Tomassi riesce solo a ordinare ai passeggeri di indossare i giubbotti salvagente e l’apparecchio precipita tra urla e pianti.

(la recensione prosegue a p.2)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...