“Il codardo” di Jarred McGinnis (SEM)                                                                              

Jack  passa a prenderlo in ospedale e lo carica in auto senza parlare, usa ancora la stessa colonia di un tempo. Prova a essere cordiale ma Jarred lo respinge.

Troppe incomprensioni, delusioni e non detti hanno alzato un muro invalicabile tra loro.

Jack usa l’umorismo per schivare i conflitti, Jarred lo usa per crearli.

Jarred è convinto  di non essere mai stato amato, mentre Jack ha fatto pace coi suoi fallimenti di padre. La convivenza  forzata in una casa infestata di ricordi si prospetta da subito durissima, ma entrambi saranno costretti ad affrontare la verità.

Si può ricostruire quel che sembra irrimediabilmente perduto?

Jarred non sopporta lo sforzo degli altri nel cercare le parole giuste per non offenderlo. Sa benissimo che agli altri  non  frega nulla della sua condizione e nel libro l’autore usa  termini dispregiativi sui disabili. Vive la disabilità e sa bene cosa significhi esser trattati in guanti gialli da gente che si sforza solo di essere gentile per la sua condizione.

Il bisogno degli altri si scontra con disagio e solitudine.

Il protagonista  vive la stessa  rabbia dell’autore, infuriato con se stesso e con la malasorte, e sarcasmo e ironia sono il suo modo di elaborare la vergogna associata alla disabilità.

Jarred sarà  costretto a imparare a vivere in un corpo che non riconosce e ad accettare i suoi limiti perché la vita  va avanti e la voglia di vivere finirà per prevalere.

Ecco come venire a patti con un corpo spezzato e trovare l’amore quando sembra che non ci siano più speranze. Come non piangersi addosso e combattere.

Il codardo è un romanzo sul tentativo di riannodare i legami affettivi per non perdere quel poco di buono che c’è rimasto. È una storia di  disabilità  dove prevale l’ottimismo.

The Guardian  considera Jarred McGinnis uno dei migliori scrittori inglesi emergenti.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...