“Gli amanti di Brera” di Rosa Teruzzi (Sonzogno)                                                              

Sul comodino della Rambaldi

Rosa Teruzzi – Milano – ha pubblicato per Sonzogno: La sposa scomparsa, La fioraia del Giambellino, Non si uccide per amore, Ultimo tango all’Ortica, La memoria del lago e Ombre sul Naviglio. È caporedattore di Quarto grado su Retequattro. Scrive i suoi gialli nello stesso casello ferroviario delle sue protagoniste.

“Non era il genere di notizia che la Smiza avrebbe trattato, se avesse potuto scegliere: la fuitina di un liceale di buona famiglia con la sua insegnante quasi quarantenne. Una storia privata che tale sarebbe rimasta, se la fidanzatina del ragazzo non fosse andata in tivù, le lacrime che le colavano sul bel viso truccato, per invitare il fedifrago a mollare la rivale e a tornare a casa. Tanto era bastato perché almeno un paio di rotocalchi e di giornali a vocazione scandalistica scatenassero la caccia ai peccatori.

Così nel giro di una settimana, la rocambolesca fuga degli amanti era assurta al rango di telenovela.”

Rosa Teruzzi, scrittrice e caporedattrice di Quarto grado, è  una donna solare. Nonostante lavori su  storie truci e delitti raccapriccianti, è sempre sorridente, gentile e alla mano. Scarpe sportive, caschetto impeccabile, zero trucco è bella così al naturale. Quando l’ho incontrata l’ho subito adorata, così come amo le sue foto scattate all’alba sui  Navigli prima di andare al lavoro, il glicine del suo casello e  le Miss Marple dei suoi gialli.

Milano. Fine settembre. Appuntamento alle 11 all’orto botanico di Brera. Arriva  per primo il giovanissimo Davide, subito raggiunto dalla matura  Viviana. I due si appartano in una panchina lontana da occhi indiscreti. Il ragazzo la guarda adorante. Si  sono conosciuti a scuola quando lei faceva la supplente, gli ha dato anche lezioni private. Il giardiniere, incuriosito dalla strana coppia, non può fare a meno di tenerli d’occhio. C’è anche una donna bionda che li fotografa di nascosto.  Di lì a poco la telecamera di una banca inquadrerà tutti e tre.

(la recensione prosegue a p.2)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...