“Il caso Karmal” di Maurizio Maggi (Bollati Boringhieri)

Recensione di Patrizia Debicke

Nato come racconto pubblicato con il nome L’avamposto, ambientato in Afghanistan, vincitore  del XXXIV MyFest, Gran Giallo di Città di Cattolica  poi  trasformato in romanzo che, attraverso l’assassinio di una giovane donna riportava alla luce il denso passato di un paese annichilito dal presente fino alla quasi  totale cancellazione, fu finalista  nel 2014 alla XXVII edizione del Premio Calvino.
Oggi lo stesso romanzo ma rivisto e aggiornato, esce per Bollati Boringhieri con il titolo Il  caso Kermal.
Base Snow. Dopo un ennesimo attacco  a colpi di arma da fuoco contro la base, nell’Afghanistan occidentale, forse il più isolato e vulnerabile degli avamposti italiani in Afghanistan, viene scoperto il corpo di Nadia Karmàl,  una giovane donna addetta al lavoro nelle cucine.
La vittima è stata  ritrovata  solo dopo qualche ora, in  un angolo nascosto della dispensa dove aveva cercato riparo. E nel rapporto ufficiale  le cause della sua morte verranno  attribuite dal medico della base a un infarto, provocato dalla paura a seguito delle forti esplosioni. 
A doversi fare malvolentieri carico dell’indagine sarà  Alì Zayd, un uomo colto, un quarantenne  che ha studiato economia in Iran ma forse per ignavia tornato in patria  si è buttato dietro le spalle la possibilità di una felice vita futura diversa.   Oggi vivacchia, come capitano di polizia ad Herat,  in realtà come facente funzione di portaborse  del suo Capo, un politico, un abile doppio e triplo giochista  locale. I Talebani stanno già bussando alle porte mentre gli stranieri appaiono quasi pronti a ritirare le truppe,  ormai gli accordi sarebbero  stati scritti e firmati.
Formalmente gli italiani governano ancora la provincia ma bisogna darsi da fare,  pensare al domani e  a come ritagliarsi una succosa fetta di un prossimo futuro.  Zayd,  che ha seguito tutto il corso di addestramento dei carabinieri italiani, negli anni del governo Karzai  prima di entrare  in polizia, avrebbe come unico sogno  poter volare in Italia a Roma o meglio a  Velletri e là finalmente  completare la sua formazione  professionale.

(la recensione prosegue a p.2)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...