“Le regole degli infami” di Fulvio Luna Romero  (Marsilio farfalle)                                                                                             

Sul comodino della Rambaldi

Le regole degli infami - Fulvio Luna Romero - Libro - Marsilio - Farfalle |  IBS

Fulvio Luna Romero – Treviso – Ha vinto il premio Nebbia Gialla col romanzo Prosecco connection e ha pubblicato i romanzi polizieschi: Carlo Caccia, La parte fredda dell’inferno, Il rumore discreto della nebbia, 5. Non uccidere, La sesta corda e Nancy.

“Il Lido di Jesolo è un posto strano. Tutta la sua penisola lo è. Prima di tutto anche il fatto di chiamarla “penisola” è un po’ un azzardo, visto che a ben vedere non è attaccata alla terraferma, con il Sile e il Piave che la tagliano in almeno due punti prima di gettarsi nell’Adriatico. A est la costa prosegue in direzione del Friuli-Venezia Giulia. A ovest c’è Punta Sabbioni. Davanti a quest’ultima, un piccolo braccio di mare e poi il Lido di Venezia. In mezzo, i cantieri del Mo.S.E… Su questo territorio, Salvi controlla moltissime attività, tenendo sempre fede alle sue ferree regole. Una di queste, di vitale importanza, consiste nell’utilizzo di diversi intermediari, ponendo molti filtri tra se stesso e l’azione da compiere. È per questo che adesso Africa e il Negro lasciano la strada principale per entrare in un cantiere.”

Le regole degli infami è l’ultimo thriller del bravo Alessio Romin che ha scelto di firmarsi col nome d’arte Fulvio Luna Romero. Un nome che resta in mente. Anch’io, che non lo conoscevo, quando ho preso in mano il libro sono subito rimasta colpita dal nome. Alessio  racconta di averlo scelto nel 2003 per rispedire i suoi lavori alle case editrici. Se come Alessio Romin non aveva avuto riscontri, come Fulvio Luna Romero era stato finalmente letto e meritatamente pubblicato. E nome che porta bene non si cambia.

L’autore ambienta le sue storie nell’Italia del nord-est, nei luoghi dove vive, che meglio conosce.

Ne Le regole degli infami, Andrea Salvi, è il boss incontrastato che con  la sua Azienda e le sue regole ferree domina la penisola iesolana. Decide chi può lavorare e chi no, quali prodotti commercializzare nei bar e nei cantieri e come dividere lotti e appalti.

Jesolo è una penisola che con le sue strutture vive di turismo d’estate e  si spopola d’inverno.

(la recensione prosegue a p.2) 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...