“L’imitatore” di Nadine Matheson (Rizzoli)

La Henley e  l’agente Ramouter, un  tirocinante alle prime armi, vengono mandati sui luoghi dei  ritrovamenti assieme alla scientifica a visionare i reperti che hanno appena trasformato le rive del Tamigi in un orrendo sentiero di briciole.  Appartengono  a un  maschio bianco e  a una femmina nera e le amputazioni sono state fatte prima, durante e dopo la morte dei due.  Il killer ha iniettato Atracurio prima di smembrarli. Un farmaco miorilassante utilizzato nelle procedure chirurgiche che richiedono il rilassamento della muscolatura scheletrica.

Sarà un’indagine complicata e  viene chiesto ai testimoni di tenersi a disposizione.

Intanto anche Peter Olivier, Matr. A0743TP, dalla sua cella di sicurezza,  ha seguito con interesse  le  notizie in TV sul  ritrovamento dei  due cadaveri smembrati. L’uomo si era appena strappato il braccialetto elettronico, e la donna,  incinta di sei settimane,   aveva tatuati sulla pelle gli stessi  simboli che  Olivier incideva sulle sue vittime.

Una croce a due bracci sormontata da una mezza luna.

A suo tempo Olivier  ha ucciso sette persone per vendetta. Gente che lo aveva aggredito.

Ma questi due chi avranno mai fatto incazzare per finire tagliati a pezzi a quel modo?  

L’assassino perché lo fa? Olivier lo conosce?

Ha    l’impressione di aver già visto l’uomo della foto  e ha anche modo di apprendere che Anjelica Henley,  dopo averlo arrestato, è diventata ispettrice.

Nel giro di una settimana la polizia si troverà a indagare su tre vittime e Anjelica si vedrà costretta a cercare l’aiuto di Olivier, anche se coinvolgerlo potrebbe metterla in serio pericolo.

Come aveva già fatto Clarice Starling con Hannibal Lecter ne Il silenzio degli innocenti, anche Anjelica si troverà a fare i conti con l’ostilità di Olivier,  ma sarà solo grazie alle sue capacità  che le indagini arriveranno a una svolta.

E mentre  le vittime aumentano in modo vertiginoso e la gente vive nel terrore i due  serial killer sconvolgeranno Londra in una macabra gara al rialzo.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...