“Fidati di me” di Valentina Camerini (Rizzoli Editore)

A dirla tutta a Hope  il tedio è tale che la diciassettenne Trinity McKenzie, allieva della Hope High School,  non vede l’ora che arrivi settembre per partire per  l’Università e   diventare giornalista. Ha sempre visto Hope come una prigione, ma terminato l’anno sarà finalmente libera di andarsene. Fine sagre di paese, fine ragazzi che ti invitano fuori solo per palpeggiarti, fine puzza di granturco e di stufati di pesce e fine delle tristi domeniche in parrocchia. Perché a Home si muore di noia, anzi si muore e basta, visto che a un certo punto sparisce Grace, la   migliore amica di Trinity, e il  suo cadavere viene ritrovato in un bosco con le mani amputate. Grace era un’eccellente pianista che presto si sarebbe iscritta in un prestigioso college di New York. Sapeva  tutto di Trinity e credeva in lei ed era l’unica che la capisse davvero.

Dai primi rilievi l’assassino sembra conoscere bene il bosco e non dev’essere muscoloso. Potrebbe  essere un uomo o una donna, o qualcuno che Grace conosceva perché a Hope un  estraneo non sarebbe  passato inosservato. L’ha sorpresa nel bosco, l’ha uccisa, e  ha fatto sparire il cadavere  tra le rocce, coprendolo con le foglie,  portandosi  via le mani. Sul posto non  ci sono tracce di pneumatici, né indizi utili a identificare l’assassino. La scientifica isola la zona. I giornalisti accorrono e quella notte nessuno dorme.

Il giorno dopo vengono interrogati  i compagni di scuola, ma troppe domande finiscono per rallentare l’indagine. Dopo il funerale ogni auto sconosciuta  viene guardata con sospetto.

Un paio di mesi dopo un’altra ragazza viene trovata morta sotto le foglie. Voleva fare la ballerina, e l’assassino le ha tagliato le gambe.

A investigare toccherà allo sceriffo McKenzie padre di Trinity, ma quando le indagini si arenano sarà Trinity stessa a voler scoprire l’assassino  con l’aiuto dell’affasciante Julian appena arrivato in città. E i delitti non si fermeranno lì, perché  altre ragazze verranno  assassinate…

Fin  da piccola scrivere e leggere sono le passioni di Valentina Camerini che passava i pomeriggi leggendo Topolino e si divertiva a inventare storie coi suoi personaggi preferiti. I suoi prediletti naturalmente sono sempre stati i cattivi. E dopo tanti libri per  ragazzi, il thriller Fidati di me rappresenta  per Valentina una nuova sfida.

Una sfida vinta.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...