“Malalai. Il viaggio di una donna libera” di Ortensia Visconti (Rizzoli)

Malalai: Il viaggio di una donna libera (Italian Edition) - Kindle ...La libreria di Gabriella

Le donne, l’Afghanistan, i talebani sono i protagonisti di un rapporto non sempre idilliaco anzi piuttosto molto turbolento. Delle mille sfaccettature di questo rapporto noi ne siamo a conoscenza attraverso i servizi giornalistici trasmessi dai telegiornali nazionali. Questi ultimi grazie al lavoro ed ai racconti degli inviati di guerra ci raccontano di un mondo e di uno stile di vita che a noi occidentali sembra così lontano ma che poi tanto lontano non è. Ortensia Visconti è una tra questi inviati (ha avuto esperienze in diversi paesi come Palestina, Iraq, Pakistan, Afghanistan) e ci ha raccontato, anche nei suoi scritti, della vita di questi paesi, delle loro usanze, tradizioni e di tutto il contesto sul quale non sempre ci si riesce a soffermare nei telegiornali. La Visconti lo fa  anche nel suo libro “Malalai” dal quale viene fuori un racconto, al femminile, di un Afghanistan molto intenso. Ad aiutarci ad entrare in questo mondo è la protagonista da cui prende il titolo il libro e cioè Malalai.

Ragazza di 17 anni, il cui nome deriva da una eroina leggendaria, Malalai è coraggiosa, uno spirito libero e ci racconta della vita dell’Afghanistan prima della venuta dei talebani e di tutto ciò che ne è venuto fuori dopo la loro avanzata nel paese. Per  sfuggire ad un destino già segnato per lei dal crudele e sanguinario zio, la ragazza vene spinta dal padre a lasciare il paese e grazie all’aiuto di un giornalista americano riesce ad imbarcarsi su di un barcone in direzione delle coste italiane. Una volta raggiunta l’Italia, fortunosamente raggiunge Roma dove si ricongiunge ad un amico dei genitori ,“il maestro”, che l’aiuta sia a risolvere  i suoi problemi di salute sia a conoscere la verità su sua madre Bibi. Leggendo le pagine del libro ne viene fuori l’immagine di un paese culturalmente molto ricco, affascinante, dove l’Oriente ci cattura e ci ammalia con le sue tradizioni. Un paese dove la vita viene vissuta con lentezza, senza le frenesie del mondo occidentale. Infine un paese nel quale la realtà religiosa è radicata nella vita di tutti i giorni e dove imperversa anche una corrente di femminismo islamico che cerca di combattere il patriarcato e l’oppressione maschile.

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: la libreria di Gabriella e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...