“Bunny” di  Mona Awad (Fandango)

Fandango libri - Weird Young - amiche cattiveSul comodino della Rambaldi

Mona Awad – Montreal – Laureata alla New York University di Toronto – ha pubblicato: 13 modi di vedere una ragazza grassa e molti racconti in prestigiose riviste.

Mi sono svegliata con la faccia spiaccicata contro il materasso infossato, con ancora indosso i vestiti di ieri sera. Ho una mantellina rossa sulle spalle, e c’è odore di cannella e di biscotti al limone, di tutte quelle piccole cose di questo mondo che traspira dalla mia pelle e rimane sospeso nell’aria stantia, intorno a me. Come sia tornata qui non lo ricordo. Mi ricordo i fari di un’auto. Un naso rosa che si arricciava. Lunghe orecchie marroni-grigie. L’occhio di un animale, una perlina nera e brillante. Un cocktail azzurro cielo, servito in una coppa grande quanto la mia testa, che veniva riempita continuamente da una ragazza con il muso da coniglio. Un cocktail solo per te, Samantha, diceva, versandolo, la ragazza coniglio. E bevevo e bevevo da quella coppa. E poi raccontavo… già ma cosa ho raccontato?…”

Samantha Heather Mackey è una delle migliori studentesse ai corsi di scrittura creativa della Warren University – l’Istituto che ha come simbolo la statua di una lepre volante – peccato che nel suo corso sia riuscita a stringere amicizia solo con la spigolosa Ava e venga regolarmente snobbata dalle altre.

I suoi brani contorti e aggressivamente cupi non passano certo inosservati, ma tranne l’ammirazione del simpatico Jonah, probabilmente infatuato di lei, gli altri continuano a ignorarla. O così crede fino a quando al caffè di benvenuto annuale della facoltà di narrativa non viene salutata dall’ambito gruppo delle Bunny – le conigliette – le quattro ragazze ricche e bellissime più ammirate di tutta l’università.

Per la prima volta Samantha riceve l’esclusivo invito a uno dei loro party in uno Smut Salon.

Si tratterà di un errore?

Di una tardiva gentilezza?

O intendono forse riservarle un crudele scherzo?

Le Bunny sembrano la zuccherosa reincarnazione di Piccole donne o di una stucchevole commedia per liceali. Vestono colori pastello, hanno capelli luccicanti, si truccano con tinte bebé e lucidalabbra, perché il rossetto è solo per le puttane. Ostentano profumi caramellosi e quando s’incontrano si abbracciano forte stringendosi fino a farsi scoppiare i petti e sono eccessive e sciroppose in tutto.

Ava le disprezza e Samantha le odia perché non sarà mai come loro, anche se la curiosità la spinge ad accettare l’ invito a discapito dei saggi consigli di Ava.

E da quel momento niente sarà più come prima.

Si presenta alla festa a mani vuote. Doveva portare qualcosa?

Non è mai stata in uno Smut Salon e si guarda intorno meravigliata.

Le conigliette sembrano non farci caso e la accolgono cordiali ed eccessive come sempre. Hanno perfino creato un cocktail solo per lei, dal sapore acido e amaro, che Samantha manda giù tossendo. Un liquore che entra in circolo subito e che fa un bell’effetto, poi quando si ubriaca le chiedono di raccontare una storia.

Le regole delle Bunny sono di parlare e condividere. E Samantha racconta, racconta.

Non sa ancora che la serata è solo l’inizio di un lavaggio del cervello che la consegnerà nelle mani delle sue manipolatrici. E non sa nemmeno che succedono parecchie cose strane nelle riunioni allo Smut Salon…

E sarà un brutto risveglio per una ragazza desiderosa solo di far amicizia e condividere.

Una storia che solo alla fine rivelerà al lettore fino a che punto si fondano realtà e finzione.

Un romanzo curioso e bizzarro adatto a un pubblico giovane, ma anche a chi ama storie non scontate e sa apprezzare le sfumature di horror e ironia.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...