“Il peso delle stelle” di Emiliana Erriquez (Les Flaneurs Edizioni)

Il peso delle stelle (Bohemien) eBook: Erriquez, Emiliana: Amazon ...Sul comodino della Rambaldi

Emiliana Erriquez – giornalista – dopo aver vissuto per un breve periodo negli Stati Uniti si occupa a tempo pieno di traduzioni, è membro di EWWA (European Writing Women Association) e autrice del saggio Oriana Fallaci una vita vissuta in pienezza, vincitore del premio Giuseppe Sciacca 2006. Ha da poco una libreria a Termoli, Il vecchio e il mare.

Con Les Flaneurs ha pubblicato anche il romanzo A metà del sonno.

«Hai mai pensato al peso che hanno le stelle?».

«No. Hanno un peso le stelle?».

«Enorme, in realtà».

«Che vuoi dire?».

«A volte, durante le ore di navigazione e ancora di più quando tentavo di restare a galla dopo essere caduto in mare, le sentivo addosso… Le stelle erano tutti i sogni che io e mia moglie avevamo fatto, le speranze che avevo coltivato di poter dare a mia figlia un futuro migliore, i ricordi di loro due, i pensieri e le ansie che mi stringevano lo stomaco quando credevo che non ce l’avrei fatta» 

La protagonista del romanzo è Marina, una donna che si rifugia in Salento per sfuggire a un marito violento che le ha reso la vita impossibile. Il cugino Carmine, stabilitosi in Inghilterra, le propone l’acquisto della vecchia masseria dove entrambi hanno trascorso un’infanzia felice.

Ma Marina sarà in grado di acquistarla coi suoi pochi risparmi?

Fortunatamente il cugino non ha fretta e lei nel frattempo potrà andare a viverci.

Da quel momento per la donna sarà come rinascere. La quiete dopo la tempesta. Le giornate nella masseria, immersa nella bellezza di una campagna circondata di ulivi, trascorrono finalmente serene in una relativa calma apparente.

È agosto e a Villa Castelli il caldo non dà tregua. Nel rincorrere il cane Buck che si è nascosto in un rudere si imbatte in Robel, un clandestino eritreo ferito.

Il ragazzo ha la febbre alta, ma rifiuta di andare in ospedale nel terrore di essere rispedito nell’inferno da cui è fuggito. Ha patito un estenuante viaggio in mare per arrivare a Gallipoli, ha camminato per chilometri per raggiungere un autogrill e ha viaggiato nascosto sotto la pancia di un Tir.

Abbandonando ogni diffidenza Marina si offre di curarlo con l’aiuto dell’amica infermiera Antonella, che le fornisce i farmaci, ma la mette in guardia dal rischio di essere denunciata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Ma Marina se ne frega e segue il cuore. È una donna generosa e al di là di pregiudizi e odio razziale, si prende cura delle ferite di Robel, aiutandolo anche a ritrovare moglie e figlia.

Non ho nulla per ricompensarti per quello che hai fatto, ma se avessi qualcosa sarebbe già tua”.

E quando il marito tornerà più feroce che mai a cercarla chi aiuterà lei?

Un romanzo che nasce dai cambiamenti di un paese che negli ultimi anni ha visto sdoganare odio e razzismo.  Marina ha già una vita segnata da violenza e sofferenza, ma questo non le impedirà di aiutare lo sconosciuto Robel.

E Robel, dal canto suo, avrà un ruolo chiave nella vita di Marina.

Due vittime di discriminazione e violenza sulle donne per un autrice che non si gira dall’altra parte, che sa mettersi nei panni dell’altro e comprendere che a volte chi abbiamo di fronte ha alle spalle storie difficili che meritano tutto il nostro rispetto.

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...