Poesia del Capodanno e delle stelle

di Marilù Oliva

 

Ed ecco l’alba di un nuovo anno.

Sentite, amiche e amici,

per prima cosa,

cercate di stare bene,

lo sappiamo che, delle volte,

questa vita ci strattona un po’.

 

Voi non mollate la presa,

ascoltate il vostro corpo

(e soprattutto il vostro cuore),

abbiate il senso del ritmo,

non fatevi mancare buona musica

e ogni tanto esagerate pure,

imparate a dimenticare che ore sono.

Non accontentatevi,

rincorrete i sogni – quei maledetti –

finché non li acciuffate,

ma dopo non dimenticate com’era cocente

la sostanza del desiderio.

Scendete a compromessi solo con le persone intelligenti,

siate tolleranti e gentili sempre,

ma pazienti fino a un certo punto.

Non cercate ricompensa in ciò che date,

la ricompensa è ogni momento, mettetevelo in testa,

sbriciolate via il rancore e disperdetelo al vento,

ché la rabbia è il nome in coppia di ottusità e lacerazione.

Che sia un buon anno,quindi, per tutti voi.

Trovate spesso il tempo per i sorrisi,

per passare le dita sulle guance di chi amate,

per cogliere le rivelazioni sottili dei silenzi,

i segreti scolpiti ovunque,

per ripetere lo scintillio di lunghe passeggiate,

per brindare a qualcosa che si avvererà,

per regalarvi un tesoro (ve lo meritate)

e per leggere almeno i libri che bruciano.

Non camminate con gli occhi bassi,

non fate finta di non accorgervi di ciò che vi accade intorno,

non date la colpa all’altro,

stavolta non ci sono più scuse,

la vita è dura per tutti,

ciò che cambia è il senso di responsabilità.

Cercate lo spazio per l’altrove,

per le domande e per i dubbi.

E qualunque cosa avvenga,

se ricordate ogni istante che siamo un barlume quasi impercettibile

di una porzione infinitesimale nello spazio,

– un pulviscolo che durerà così poco -.

ogni evento buono vi riempirà il cuore di gratitudine

e ogni giorno avverso sarà un po’ meno amaro.

Ma per capirlo davvero è necessario,

anche solo qualche volta – la notte –

alzare gli occhi all’oscurità del cielo.

Che sia un buon anno nuovo,

amici e amiche:

un anno pieno di stelle.

Bologna, 31.12.2019
(la foto sopra, “Galassia a spirale nei Cani da Caccia”, è la numero M51, tratta dalla galleria di immagini scattate dall’ingegner Nicola Lonetti)
Questa voce è stata pubblicata in eventi, nugae, poesie, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Poesia del Capodanno e delle stelle

  1. mariapaola Fabbi ha detto:

    Grazie Marilú
    Ricambiamo da Reggio Emilia

  2. Ivana Daccò ha detto:

    Grazie! Buon Anno a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...