“Il ladro di tatuaggi” di Alison Belsham (Newton Compton)

Recensione di Patrizia Debicke

Tornano in libreria i protagonisti e la squadra al completo del primo thriller della Belsham, Il tatuatore. Non basta perché con un finale apertissimo, l’autrice scopre le sue carte rivelandoci di volere far diventare i suoi Francis Sullivan, giovane ispettore in ascesa professionale e Marni Mullins l’intrepida tatuatrice con una complicata vita matrimoniale alla spalle, gli eroi di una serie. E quindi lo scenario della fiction letteraria non cambia, siamo sempre a Brighton celebre città balneare piena di locali, strade e stradine che possono anche nascondere tanti segreti. E stavolta molto spiacevoli. Zone buie che ospitano un incontrollabile mondo sommerso, governato solo dalle leggi della strada che la polizia non riesce a tenere a bada. Agosto, colmo dell’estate turistica: una diciassettenne bene, Tash Bradley, telefona all’alba al suo ragazzo, Alex Mullins (19 anni) , con il quale ha litigato per gelosia lasciandolo da solo al The Haunt, un affollato pub alla moda dove si balla, dopo un’intera giornata passata insieme a lui.

La sua chiamata è un grido, un’angosciante richiesta di aiuto dal palco del Pavillon dopo essere stata selvaggiamente aggredita. Alex sveglia sua madre, corrono in suo aiuto ritrovandola finalmente in condizioni quasi disperate. Qualcuno l’ha barbaramente seviziata per ore, scavando delle orride stimmate su mani e piedi. Portata d’urgenza in ospedale, viene curata, imbottita di antibiotici e i sanitari, che sono fiduciosi sulle possibilità di ripresa, mostrano alla polizia lo strano tatuaggio che il suo aguzzino le ha lasciato inciso sulla schiena. Il tatuaggio è in latino e si rifà ai versetti di un antico inno di chiesa. Ma qualcosa nelle terapie non funziona, le condizioni della povera Tash peggiorano rapidamente e dopo appena ventiquattro ore muore. La famiglia accusa Alex Mullins, ultima persona che avrebbe visto la povera Tash prima dell’aggressione. Potrebbe essere stato lui? Si attende solo l’esito dell’autopsia per scoprire le esatte cause della morte, ma il ragazzo è giù sotto il tiro degli inquirenti e la faccenda si fa difficile per l’ispettore Francis Sullivan. Alex, infatti, è il figlio di Marni, una tatuatrice, la donna che in passato l’ha aiutato a risolvere un caso e con la quale ha un legame speciale. L’intrigo si complica, andando a toccare i diversi punti deboli dei protagonisti… Quando poi una seconda ragazza subisce lo stesso barbaro attacco e muore, anche lei come Tash, l’ispettore Sullivan e la sua squadra pensano a un serial killer. E visto che Alex Mullins era collegabile anche con la nuova vittima, diventa subito il principale sospettato, anche perchè il delitto sembra da mettere in relazione in qualche modo al mondo dei tatuaggi e lui è figlio di due tatuatori. Ma in quei delitti c’è qualcosa che secondo Sullivan, nonostante il diverso parere dei suoi uomini, non conferma le ipotesi accusatorie. Per lui c’è qualcosa che non quadra e rimanda invece a un contorto e pericoloso movente maniacale. Bisogna tenere la testa lucida e non lasciarsi coinvolgere dai sentimenti per risolvere il caso e fermare l’assassino prima che altre vittime muoiano? 

Alison Belsham ha iniziato scrivendo sceneggiature, e nel 2001 è stata finalista nella BBC Drama Writer competition. Nel 2016 ha presentato Il tatuatore al Bloody Scotland Crime Writing, uno dei più prestigiosi eventi per il genere thriller, ed è stata giudicata vincitrice. Secondo The Bookseller è stato uno dei libri più interessanti tra quelli presentati a Francoforte 2017. Il ladro di tatuaggi è il secondo attesissimo caso dell’ispettore Sullivan.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...