Sul comodino della Rambaldi: “Il figlio di febbraio” di Alan Parks (Bompiani)

Risultati immagini per "Il figlio di febbraio" di Alan ParksAlan Parks – Vive e lavora a Glasgow. Il suo Gennaio di sangue, romanzo d’esordio pubblicato da Bompiani, ha ottenuto enorme successo di critica ed è stato selezionato per il prestigioso Grand Prix de Littérature Policière. Il figlio di febbraio è il secondo episodio con l’ispettore Harry McCoy.

L’assassino è esausto, ma ha quasi finito. Contempla il suo lavoro, sputa in faccia alla vittima, la prende a calci e ne immortala l’agonia con una Polaroid, prima di finirla con una rasoiata.

Vorrebbe tanto che la donna, per cui ha agito, vedesse cos’è in grado di fare per lei.

Stavolta per arrivare al luogo del delitto, McCoy, deve salire 14 piani a piedi sulla scala provvisoria di un palazzo in costruzione. Quando l’hanno avvertito dell’omicidio era a casa a fumarsi una canna con Susan.

Sul posto i colleghi stanno già isolando la scena del crimine. Una telefonata anonima, probabilmente dell’assassino stesso, li ha avvertiti che l’avrebbero trovato lì. A terra ci sono anche due polaroid.

McCoy non regge alla vista del sangue e all’odore di rame e macelleria. Il morto, seduto contro le impalcature, è un ventenne in mutande a cui hanno rotto una mandibola, staccato un piede, inciso Bye Bye sul petto, sfondato un occhio e ficcato il pene amputato in bocca.

Uno sparo all’altezza dell’occhio sinistro gli ha portato via la parte posteriore della testa, l’altro colpo gli ha staccato la caviglia sinistra.

Anche la patologa arrivata in fretta e furia è ancora vestita da festa.

Dai documenti risulta che la vittima è Charlie Jackson, il talentuoso giocatore dei Celtics che quel giorno è rimasto in panchina. La partita è finita alle quattro e tre quarti e l’assassino deve averlo catturato subito.

Il giocatore era mancino di piede e devono averglielo staccato apposta.

Ma come avrà fatto l’assassino a convincerlo a seguirlo?

E le polaroid servivano per rimirare il suo operato o le doveva mostrare a qualcun altro?

Jackson era fidanzato alla bella Elaine Scobie, figlia del gangster locale Jake Scobie.

Interrogato, Jake Scobie, lamenta che il suo tirapiedi Kevin Connolly, da quando si è infatuato di sua figlia Elaine, la ossessiona e la segue dappertutto ed Elaine ne è terrorizzata.

Quel Connelly si è forse convinto che una volta tolto di mezzo il bel giocatore, la ragazza si sarebbe messa con lui? E sarà da interpretare in quel senso quel bye bye inciso sul petto?

Se Jake Scobie dice il vero, Connolly è fottuto.

Intanto l’assassino è già pronto a comprare altra pellicola per la sua polaroid…

…“Lo so com’è un uomo che sta per morire” disse Cooper. “Ne ho visto qualcuno. Respirava ancora, però male, c’era qualcosa che non andava. Non riusciva più a inspirare l’ossigeno. Credo che tu gli abbia rotto la trachea o qualcosa di simile. Gli hai calpestato la gola un bel po’ di volte.”…

Con Alan Parks la violenza scorre di nuovo a fiumi per le strade di Glasgow. In città sono arrivate nuove droghe, la scia di morti non si ferma e il cinico ispettore, stavolta, sarà costretto ad affrontare anche il suo oscuro passato.

L’indagine de Il figlio di febbraio si snoda in nove giorni. Troverete le parti che riguardano l’assassino scritte in corsivo, come si usa ormai in molti romanzi e Alan Parks offre ancora una volta puro intrattenimento, cinico e violento, tanto da farci aspettare curiosi un prossimo episodio con marzo nel titolo.

Che soluzione e assoluzione di McCoy siano con voi!

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...