Sul comodino della Rambaldi: “Obscuria” di AA.VV. (Damster)

Autori: Danilo Arona, Cristiana Astori, Andrea Carlo Cappi, Roberto Carboni, Marco Carosi, Alessandro Chiometti, Diego Collaveri, Stefano di Marino, Federica Gaspari, Olga Gnecchi, Claudio Guerra, Andrea Guglielmino, Enrico Luceri, Sara Magnoli, Gianluca Morozzi, Fabio Mundadori (che è anche curatore del progetto), Luca Occhi, Catia Pieragostini, Biagio Proietti. Gianfranco Staltari, Simona Teodori e Giada Trebeschi.

La donna strillava ormai da cinque ore. Era incinta al nono mese, e la sua pancia enorme non ce la faceva più a trattenere il bambino. Pietro Bresler, l’uomo che l’aveva rapita, l’aveva legata per i polsi a una branda di metallo, facendo in modo che le braccia fossero del tutto stese sopra la testa e che le gambe, sotto il ginocchio, penzolassero nel vuoto. Poi aveva serrato una catena intorno alle sue cosce, stringendole l’una all’altra il più possibile. Infine, le aveva legato le caviglie ai piedi di metallo della branda, in basso, in modo che le gambe si ritrovassero piegate ad angolo retto. La donna non poteva separare di un millimetro le cosce. Non poteva muoversi in alcuna maniera. Poteva solo urlare. Pietro Bresel si sedette accanto alla sua terza vittima, e aspettò che la biologia facesse il suo corso, come era accaduto due volte in precedenza. Aspettò le inevitabili contrazioni, le ultime grida, e poi la devastazione, l’orrore del sangue, di un bambino che cercava di farsi strada attraverso un percorso impossibile di carni e ossa troppo strette. Quando tutto fu finito, Pietro Bresler si alzò senza nemmeno ripulire la stanza. E andò da mister Tremas a riscuotere il suo premio

Una fantasia mostruosa mi sono detta leggendo Obscuria, un’antologia dove troverete davvero paure per tutti i palati, dalle più classiche a quelle più elaborate e sottili. Un libro da gustare in vacanza o la sera prima di dormire (sempre che poi ci riusciate a dormire) centellinando un racconto per volta. Alcuni di questi davvero originali. E se molti orrori li avete già provati attraverso libri, film e nelle cronache del telegiornale, altri vi coglieranno impreparati.

E allora tuffatevi in queste ventidue storie che narrano di: Culle di Giuda – Pennini avvelenati che compongono poesie su corpi nudi – Ragazze che odiano i film horror, costrette a vederli per compiacere il fidanzato in cinema tetri, che troveranno brutte sorprese rincasando – Fantasmi che narrano storie ai bambini – Location alla Mad Max con battaglie tra rimorchi di benzina – Zombie – Giovani che non riescono a dominare la rabbia – Vendette su preti pedofili secondo i dettami dell’Inquisizione – Sinistri orfanotrofi – Corvi impagliati – Rese dei conti tra donne incarognite – Carillon che suonano nel buio – Candele che si spengono – Armadi che scricchiolano – Bambini prigionieri in ospedali da cui non usciranno mai che vogliono sentir parlare di Zorro – Storie di ragazze scomparse – Bed & Breakfast con stanze dedicate ai film di Stephen King – Treni invasi dagli zombie – Brutte sorprese sul divano – Navigatori di ultima generazione acquistati a prezzi stracciati che non sai in che guai ti ficcheranno – Donne tradite dai familiari, legate ai letti di un manicomio – Porte di misteriosi laboratori che rimangono aperte…

Davvero tanti modi di intendere la paura.

E mancano solo sette mesi ad Halloween, premunitevi!

Che il terrore sia con voi!

PaolaRambaldi

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sul comodino della Rambaldi: “Obscuria” di AA.VV. (Damster)

  1. patrizia debicke ha detto:

    brrrr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...