Sul comodino della Rambaldi: “L’ultima signora Parrish” di Liv Constantine (HarperCollins)

Liv Constantine è il nome scelto dalle sorelle Lynne e Valerie Constantine (nella foto, sotto). Separate da tre Stati si tengono in contatto per ore via FaceTime ed Email. Attribuiscono la loro abilità di inventare storie oscure e contorte alle ore trascorse ascoltando i racconti tramandati dalla nonna greca.

L’ultima signora Parrish (HarperCollins) è il loro thriller d’esordio.

Alcune donne ottengono tutto.

Altre ottengono tutto ciò che si meritano.

Amber è scontenta della sua misera condizione di impiegata in un Immobiliare, ed è stanca di essere invisibile. S’impone di andare in palestra tutti i giorni da tre mesi per migliorare almeno fisicamente, con risultati risibili, ma in palestra ha modo di osservare il bel mondo che ha sempre invidiato, in particolare la bella Daphne Parrish, una bionda mozzafiato sempre abbigliata in modo costoso e ineccepibile.

Amber ha raccolto informazioni su di lei, ha un piano, e ha deciso di farsela amica a tutti i costi. L’occasione giusta arriverà facendo leva sul problema che più sta a cuore a Daphne, la perdita dell’amata sorella vittima della fibrosi cistica.

Amber s’inventa una sorella morta dello stesso male, avvicina Daphne e colpisce nel segno. La riccona si occupa di una Associazione che raccoglie fondi per la ricerca e le offre di collaborare. Ogni volta che parla della sorella morta, Amber, si finge commossa anche se non ha occhi che per i suoi begli orecchini.

Risultati immagini per Liv ConstantineLe riunioni della fondazione si tengono nella lussuosa villa di Daphne e Amber ha modo di farsi strozzare da un’invidia biliosa alla vista di tanta opulenza, ma non perde di vista i suoi obiettivi e si presenta agli appuntamenti volutamente scialba per essere accolta anche dalle altre dame, che invece diffidano di lei. Per farsi accettare finge di dimenticare il portafogli con una foto di lei e sua sorella da piccole, simulando che sia la famosa sorella morta, per dare un volto alla valanga di bugie che racconterà da lì in poi. E fa di più, assume informazioni sulle amiche di Daphne e trova il modo di liberarsene e con la scusa di supportare l’amica nel lutto s’insinua lentamente tra lei e il marito.

A Bishop Harbor nel Connecticut hanno sempre considerato i Parrish una coppia perfetta.

Peccato abbiano solo due figlie femmine e non abbiano mai avuto il maschio tanto desiderato.

Amber sopporta che le due bambine le ricordino quanto è brutta meditando una crudele vendetta anche per loro. Perché ormai Amber è incontenibile e mira dritta al marito di Daphne.

Diventa la loro confidente, si rende indispensabile, e da lì in poi lavorerà solo per diventare la nuova signora Parrish!

È fermamente decisa a non arrestarsi davanti a nulla, ma un segreto del passato rischierà di compromettere i suoi piani.

E la dolce Daphne la lascerà fare?

E la tanto ambita felicità arriverà davvero ottenendo quel che vuole?

Quattrocentotrentasette pagine per scoprirlo che vi terranno compagnia in questa monsonica estate.

Che l’ultima signora Parrish sia con voi!

PaolaRambaldi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...