LA VITA FINORA di Raul Montanari (Baldini e Castoldi)

Recensione di Romano De Marco

Marco Laurenti, trentacinquenne, insegnante precario di materie letterarie, decide di trasferirsi da Milano in un’isolata valle montana, per un contratto di supplenza annuale. Sarà l’inizio di una sconvolgente esperienza che lo metterà a confronto con due diverse facce del lato oscuro dell’animo umano. La prima rappresentata da Rudy, un sedicenne diabolico e manovratore, incarnazione del peggio di un’intera generazione segnata dal vuoto pneumatico della idiozia tecnologica e dalla dissoluzione di qualsiasi punto di riferimento morale. La seconda avrà il volto del maggiore Novak, un ex criminale di guerra ritiratosi in quella valle in autoesilio, allo scopo di sfuggire a un terribile passato che continua a tormentarlo nelle sue notti insonni. Marco non immagina che una volta superata la galleria che immette nella valle, la sua vita cambierà per sempre.

Rispetto alla miriade di romanzetti che affollano le librerie filosofeggiando sul “male” (citato spesso e volentieri anche nei titoli) e che si arrovellano alla ricerca di inutili spiegazioni e chiavi di lettura stereotipate per gli aspetti più inquietanti della natura umana, la narrativa letteraria di Raul Montanari vola alto.

Sembra quasi sovrastare il desolante panorama editoriale dalle cime delle montagne che racconta in questo splendido romanzo. Cime altissime, intoccabili, indifferenti a quanto avviene giù, in basso.

In questo romanzo non ci sono omicidi, detection, misteri da scoprire all’ultima pagina, basati su improbabili e deludenti architetture di trama. Eppure, la tensione narrativa è micidiale. L’aspettativa del lettore viene largamente ripagata dalla concretezza dei contenuti, dalla lucidissima analisi psicologica dei personaggi che non si pone l’obiettivo di dare risposte al perché del male (inutile farlo, come insegnava Stephen King…) ma sposta l’obiettivo sulla reazione dell’uomo normale, quello che ogni lettore potrebbe incarnare, di fronte allo spalancarsi dell’abisso nero che tutti, pur negandone l’evidenza, ci portiamo dentro.

E Raul Montanari fa sembrare tutto semplice con la sua prosa cristallina, trasparente e rinfrescante come l’acqua del torrente di montagna che taglia in due la sua vallata.

Marco è un uomo giovane, non più giovanissimo, segnato da esperienze difficili (il rapporto con i genitori e il lieve disturbo psicologico di cui soffre). Esperienze che hanno contribuito a renderlo l’uomo che è ora e che dovrà affrontare una inattesa, drammatica prova, scoprendo dentro di sé risorse inaspettate. Soprattutto quell’eroismo “normale” di cui spesso Montanari ci ha parlato.

Personalmente ho letto tutti i suoi romanzi e penso che LA VITA FINORA sia uno dei più belli. L’autore riesce a dosare, con una magica perfezione, la realtà di cui è intrisa la vita dei suoi personaggi con la finzione delle situazioni in cui sono calati e dalle quali scaturisce una storia perfetta, finanche negli aspetti che, volutamente, all’ultima pagina, rimarranno irrisolti. Da lettore appassionato, mi sembra anche di aver colto diversi riferimenti a opere passate, forse degli “auto omaggi”. Fra tutti la figura del sacerdote peccatore, Don Carlo, che non può non ricordare quella di Don Alfio, dell’indimenticabile CHIUDI GLI OCCHI.

In sostanza un romanzo che appassiona, fa riflettere, intrattiene. E, cosa più importante, pone il lettore di fronte a uno specchio. Del resto, come diceva Proust, è ormai risaputo che “Ogni lettore, quando legge, legge sé stesso”.

Questa voce è stata pubblicata in recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LA VITA FINORA di Raul Montanari (Baldini e Castoldi)

  1. patrizia debicke ha detto:

    Ottimo

  2. librini ha detto:

    credo di non aver letto niente di Montanari fino ad oggi, ma visto il tuo commento, non mancherò in futuro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...