Sul comodino della Rambaldi: GLI OMICIDI DELLO ZODIACO di SHIMADA SOJI (GIUNTI)

Shimada Soji (nella foto sotto), 1948, nato nella provincia di Hiroschima, dopo aver lavorato per anni come camionista e musicista, ha debuttato nel 1981 col Mystery Gli omicidi dello zodiaco, da noi tradotto solo di recente, giunto finalista all’Edogawa Rampo Award, è stato seguito da altri mistery di grande successo. Nel 2009 ha ricevuto il Japan Mystery Literature Award. Le sue opere più famose includono la serie del Detective Mitarai e della Detective Yoshiki.

Gli omicidi dello zodiaco è il romanzo d’esordio di Soji Shimada e anche il primo della serie da lui dedicata al detective Kiyoshi Mitarai. Considerato un capolavoro del genere è uscito in Giappone nel 1981, è stato tradotto in inglese nel 2014 e solo di recente in italiano.

Giappone, 1936, Heikichi Umezawa ricco artista eccentrico appassionato di astrologia, alchimia, e occultismo viene trovato morto nel suo studio col cranio sfondato. La porta è chiusa a chiave dall’interno. A dare l’allarme è la figlia Tokiko giunta per portargli la colazione. La ragazza dopo aver inutilmente cercato di farsi aprire, ha visto il padre immerso in una pozza di sangue dalla finestra.L’omo stava ritraendo un corpo femminile a cui mancava solo il volto ed è stato ucciso durante la notte. Una poderosa nevicata, di quelle che in Giappone non si vedevano da decenni, ha nascosto ogni traccia e le indagini sono ulteriormente complicate dal fatto che i principali sospettati hanno tutti un alibi inattaccabile.

Frugando tra i documenti dello studio gli inquirenti si imbattono in un progetto mostruoso, l’Azoth, l’essere femminile perfetto, una sorta di Frankenstein costruito con parti di donne diverse con l’obiettivo di farne una dea. Heikichi meditava di realizzarlo assemblando parti dei corpi di figlie, figliastre e nipoti.

Sette ragazze vergini tra i 18 e i 25 anni.

Dopo la sua morte sei delle sette ragazze vengono barbaramente uccise e i cadaveri, variamente smembrati, ritrovati in vari luoghi del Giappone, noti per la loro valenza magica e il potere simbolico.

La gente è inorridita. Chi sta portando avanti il mostruoso progetto di Heikichi Umezawa?

I dettagli degli omicidi vengono resi pubblici nella speranza che qualcuno aiuti gli inquirenti a trovare l’assassino ma la seconda guerra mondiale interromperà le indagini che finiranno presto nel dimenticatoio.

Trent’anni dopo un famoso astrologo e il suo assistente decidono di riaprire le indagini esaminando gli incartamenti e il testamento racchiusi in un volume.

Chi poteva trarre vantaggi dalla morte di Heikichi? Dal testamento risulta che i suoi travagli sono iniziati dopo la separazione dalla prima moglie Tae sposando la modella Masako, L’uomo ha disposto che tutti i suoi averi vadano a Tae, ma i due investigatori sospettano che qualcuno abbia usato i suoi appunti come copertura.

Come nei gialli classici Shimada Soji non lascia niente al caso e mette a disposizione del lettore tutti gli indizi per arrivare da solo per deduzione logica alla soluzione del mistero.

In fondo al volume un glossario viene in aiuto al lettore con la spiegazione delle parole giapponesi più ricorrenti. Da leggere sicuramente.

Che le sorellastre di Cenerentola e un’agevole memorizzazione dei nomi giapponesi siano con voi!

Paola Rambaldi

Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sul comodino della Rambaldi: GLI OMICIDI DELLO ZODIACO di SHIMADA SOJI (GIUNTI)

  1. pdebicke ha detto:

    Interessante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...