Sul comodino della Rambaldi: “PODISSEA” di Stefano Rossini (Officina Marziani, Antonio Tombolini Editore)

Stefano Rossini, giornalista freelance di viaggi, cultura e sociale ha viaggiato per l’Italia dal 2004 al 2010 per conto di alcune riviste nazionali e internazionali, negli stessi anni si è occupato di storia antica per un dottorato dell’Università di Bologna. POdissea è il suo primo romanzo.

Marco Alieni, giornalista di viaggi ed enogastronomia, si è sempre occupato di reportage da tutta Italia, in particolare dalla Pianura Padana e dal fiume Po e sogna di trovare lo storione d’argento.

POdissea è la storia del suo viaggio sul Po.

L’ultima volta che Marco ha sentito parlare dello storione d’argento aveva 11 anni e abitava ancora a Pavia, era andato a pescare col vecchio Poli e l’incredibile creatura era improvvisamente uscita dalle acque con un colpo di coda, o perlomeno Marco crede ancora di ricordare il favoloso luccichio delle sue squame al sole.

Realtà o fantasia?

La leggenda narra che chi vede lo storione d’argento muoia di lì a poco, infatti il giorno dopo la fugace apparizione trovarono il vecchio Poli morto stecchito.

Marco sospetta di esserselo solo sognato ma non ha mai smesso di cercarlo nonostante sappia che nei nostri fiumi gli storioni si sono estinti da anni e sono stati sostituiti dai pesci siluro. Nel frattempo ha appreso i punti migliori dove pescare senza dimenticare i racconti tramandati dai vecchi.

Un giorno decide di risalire il Po un’ultima volta per ricavarne un reportage.

Prende a prestito la piccola barca Beatrice e chiede all’amico Aurelio Verdi di accompagnarlo, telefonandogli proprio mentre sta guardando il naufragio del Titanic in TV, divide il viaggio in una quindicina di tappe in modo da percorrere 40-50 km al giorno e parte dal delta del Po con l’ambizioso progetto di risalire fino alle chiuse di Isola Serafini.

Intanto Dio e Satana scommettono sull’esito del viaggio.

Riusciranno i nostri eroi a portarlo a termine?

Dio, solitamente speranzoso, stavolta è pessimista, mentre Satana è disposto a scommettere che Marco potrebbe farcela e man mano che l’Odissea procede si uniscono al viaggio anche Giordano e Sven.

Dio vorrebbe che Marco rinunciasse a tentazioni e trasgressioni, ma Satana fa notare che senza tentazioni e trasgressioni non esiste storia (e se esistesse sarebbe noiosissima).

I quattro amici avranno modo di scoprire un mondo che nemmeno immaginano popolato di antiche divinità e bizzarre creature, e se amate le storie fantastiche Stefano Rossini vi accompagnerà con humor nel suo incredibile viaggio ai confini del Po.

Che lo storione d’argento sia con voi!

Paola Rambaldi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...