Sul comodino della Rambaldi: NOTTE FONDA IN VIA DEGLI ANGELI

NOTTE FONDA IN VIA DEGLI ANGELI

di Susanna Mancinotti

(SPERLING & KUPFER)

La scrittrice Susanna Mancinotti è anche sceneggiatrice, giornalista e autrice per la Rai di vari programmi televisivi. Collabora con Io Donna, magazine del Corriere della Sera e col mensile Quattro zampe.

I suoi libri sono tradotti in: Russia, Stati Uniti, Islanda, Svizzera, Grecia e Germania.

Il fedele cane Quin esce a prendere dei cornetti per l’adorato padrone, il cinquantanovenne detective Massimo Milani, e al suo rientro lo trova morto.

Da un’altra parte di Roma, Elisa Montani, 30 anni, non paga l’affitto da mesi, la rivista per cui lavora è fallita e il disonesto fidanzato Ernesto non risponde più al telefono. Quando si decide a ritirare una manciata di buste dalla buca delle lettere e a fare le valige per trasferirsi da lui lo trova a letto con una collega.

Non è come sembra” le urla per le scale mentre fugge disperata.

In poche ore Elisa ha perso casa, lavoro e fidanzato e non può nemmeno sfogarsi con la migliore amica Gemma perché è in tournée teatrale.

Tra la posta ritirata c’è la convocazione di un notaio. Lo zio Massimo che non vede da quando era bambina le ha lasciato in eredità un Ufficio Investigativo a patto che si prenda cura di Quin, una femmina di pastore tedesco di 5 anni.

È il cane più bello che Elisa abbia mai visto e accetta di prendersene cura pur di stabilirsi subito presso l’agenzia dello zio anche perché non ha dove altro andare.

In ufficio ha modo di scorrere gli archivi e di accorgersi che lo zio seguiva famosi casi di cronaca e pericolosi traffici di droga e mentre è intenta a studiare un armamentario di registratori e telecamere alla 007 si presenta in agenzia la ricca Marisa Fiorentini per proporle un pedinamento al marito fedifrago. Cinquemila euro ed Elisa non ha cuore di dirle che è lì solo di passaggio.

Quella cifra le permetterà di tamponare i vecchi debiti. A Campo dei fiori incontra il vecchio proprietario di casa e può finalmente saldare gli affitti arretrati.

L’incarico consiste nel tallonare Mario Fiorentini un attempato professore che pare essersi invaghito di una studentessa. Elisa ha modo di scoprire che la giovane ha una relazione con un attore collega di Gemma e vorrebbe tranquillizzare la sua cliente, ma mentre è a bordo della sua vecchia 500 investe la moto di Marco un tipo dagli occhi blu che le ricorda tanto Alain Delon da giovane. Dopo l’incontro-scontro tra i due è simpatia reciproca.

Si vedono per una pizza e per un giro panoramico su Roma in mongolfiera ma quando finalmente la vita di Elisa sembra riaprirsi alla speranza tutto crolla di nuovo.

Mario Fiorentini viene ritrovato morto, la moglie Marisa è indagata e come se non bastasse, scopre Marco mentre bacia un’altra. Adesso può contare solo sull’affetto di Quin.

Riuscirà a risollevarsi dall’ennesima batosta e a scoprire l’assassino del professore?

Liberamente ispirato a un fatto di cronaca realmente accaduto a Roma.

Quando la realtà supera la fantasia.

Che il giallo-rosa di Susanna Mancinotti sia con voi! 

                                                                                  Paola Rambaldi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in recensioni: sul comodino della Rambaldi, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sul comodino della Rambaldi: NOTTE FONDA IN VIA DEGLI ANGELI

  1. patrizia debicke ha detto:

    interessante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...