“Lo studente modello” di Katerina Diamond (Nord)

Recensione di Claudio Guerra

Quando mi trovo davanti a un romanzo tradotto non posso fare a meno di andare a vedere cosa è rimasto del senso del titolo originale in quello della sua versione italiana. Spesso ci si trova davanti a veri scempi motivati forse solo da una presunta maggiore commerciabilità del prodotto libro. Qui no. Lo stravolgimento che da “Teacher” porta al suo opposto diametrale risulta estremamente adeguato a quello che è il contenuto della storia.

Risulta infatti chiaro fin dalle prime pagine che ci troviamo di fronte all’efferata vendetta condotta dal sopravvissuto ad una banda di sadici assassini che, col tempo e le rispettive connivenze, si è radicata e occultata negli strati alti della comunità in una cittadina della provincia inglese. Uno scampato che però ha ben assimilato la lezione e che, dopo tanti anni, comincia ad eliminare ciascuno dei suoi aguzzini utilizzando ed esacerbando le medesime torture che questi avevano sperimentato su di lui e su quegli altri poveri ragazzi che non erano invece riusciti a sfuggire.

La prima vittima è emblematicamente il preside della scuola dove tutto aveva avuto inizio, la Churchill School for Boys, in anni in cui questi ne era un semplice insegnante. C’è una certa misericordia in questo, forse il riconoscere una sua minore colpevolezza. Gli viene infatti offerta la possibilità di scegliere fra il suicidio o subire lo scempio, uno di quelli che la “banda” aveva riservato alle sue vittime.

Scoprendoli poi, questi scempi, man mano che il vendicatore pone in essere il suo piano, non possiamo fare a meno di essere dalla sua parte. La sua identità non è neppure così misteriosa ( e qui faccio spoiler ) : è proprio quel personaggio che quando compare ci viene da pensare che, sì, potrebbe essere lui quello che…

Per fortuna, in questo suo romanzo d’esordio, questa non è la sola trama che l’autrice porta avanti e le sorprese, che ci sono, e, proprio in quanto tali, ci giungono da strade inaspettate. Infatti attorno a questo tronco principale si intrecciano le vicende di tutta una serie di personaggi, tutti deragliati dai binari di una vita normale per l’impatto con le violenze subite. Sono anche troppi per un libro solo e non entro nei dettagli per non svelare chi è destinato a sopravvivere a questo libro e chi invece no.

Mi concedo solo di soffermarmi su Imogen Grey, la Detective Sergeant più che carina, che però occulta la sua bellezza vestendosi da maschiaccio. Questo a causa del trauma psicologico conseguente all’aggressione subita da parte dei criminali sui quali stava indagando. In quell’occasione ha perso il bambino che stava aspettando e ha rimediato una enorme cicatrice che le deturpa un fianco. Oltre a quella sull’anima, ovviamente. Ecco, lei sopravvive e questo il primo romanzo di una serie che la vede “protagonista”. Ho virgolettato il termine in quanto la sua personale storia, che ho riassunto, e la sua presenza in quella che vedete dipanarsi sotto i vostri occhi non ha tutta la rilevanza che dareste a un personaggio principale. Tanto è infatti quello che l’autrice mette di più sostanzioso nel suo calderone che quanto Grey sappia essere protagonista lo vedremo forse nei prossimi episodi.

Nel frattempo non ci resta che godere della lettura di questo. In particolare di come certi indizi vengano lasciati cadere come esche, per poi essere ripresi abilmente quando già ci si era convinti che fossero andati perduti oppure, peggio, messi a caso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...