IL GUARDIANO DEL PARCO di Marco Limberti e Franco Trentalance (Pendragon)

Recensione di Claudio Guerra

Se, come recita il motto di questo blog, un libro per essere un libro deve bruciare, questo è un “libro”. Anzi, ha corso il rischio di bruciare me come lettore perché certe pagine descrittive mi hanno portato molto vicino allo sturbo. Infatti il primo capitolo identifica uno dei protagonisti come “the Butcher”, il macellaio, e poco più avanti scopriremo che quelli che lui smembra e squarta sono esseri umani. Vivi. Ma questa è una storia molto più articolata e quando ci sei dentro non puoi più distoglierne gli occhi.

Sostanzialmente è una versione non edulcorata di una favola dei fratelli Grimm. Abbiamo un lupo cattivo, serial killer per passione e tornaconto, un cappuccetto rosso e un cacciatore. Partono da punti diversi del mondo per incontrarsi nel verosimile scenario di un piccolo paradiso collocato sull’Appennino fra Bologna e Firenze. Un paesino che si chiama Mozzano, ma non è quello che vi rimanda Google Map, vicino a un grande parco naturale intitolato a un fantomatico Fauno.

Ciascuno di essi entra nella storia in modo diverso e “diverso” ne uscirà. “The Butcher” si presenta mostrando quale sia il suo lavoro, girare “snuff movies” di gente torturata e uccisa, da vendere poi ad altri pervertiti nel deep web. Alba Scott è una bella americana che sta cercando un posto tranquillo dove studiare e lavorare alla sua tesi in Storia dell’Arte, lontana dalle oppressioni di un padre autoritario e di un professore viscido che usa il suo potere per ottenere favori sessuali dalle allieve. Paul Ferrara è un ex militare, ex contractor, che il padre di Alba, suo ex capo, ingaggia in virtù dei trascorsi per rintracciare la figlia.

Già in partenza nessuno dei personaggi riesce a stare nei confini del cliché che parrebbe averlo generato. Il macellaio, che da qui in avanti chiameremo Franco, come l’identità assunta per impersonare la guardia del parco del titolo, come il possessore di due delle quattro mani che hanno scritto il romanzo, è uno psicopatico professionale ed etico. Cura la realizzazione dei suoi filmati in modo giustamente maniacale. Per evitare che le sue vittime si muovano o soffrano mentre le fa a pezzi, prima le seda pesantemente. Alba, da parte sua, non è la santarellina che sfugge per salvare la sua virtù, anzi, ma non sa ancora bene neppure lei cosa è. Paul invece è purtroppo molto più vicino alla dipendenza da alcool e droga che alla forma fisica e all’efficienza, almeno di quanto il pragmatico genitore in angustie che lo ha contattato ricordasse, e condurrà le sue indagini a Firenze come un elefante in cristalleria.

Neanche i luoghi sono quelli che sembrano. Il parco paradisiaco, che sotto la gestione di Franco è rinato come esempio di organizzazione, pulizia e nitore, è in realtà sparso di oscuri anfratti e grotte dove registrare i macabri filmati. L’ostello dove si rifugia Alba, anche se già il fatto che non sia proprio bello come sul appare sul sito sarebbe normale, si presenta come un ricettacolo demoniaco e invece è solo quello che rimane dopo il festino di Animal House.

Il riuscire a passare oltre le pagine più sanguinolente viene ricompensato da una storia intrigante, piena di contaminazioni e cambi di registro. Tanto che alla fine si potrebbe pure finire per parteggiare per Franco, pur senza volerne raccogliere l’esempio, in questi tempi in cui si continua a sostenere che il lavoro del futuro stia nell’iniziativa personale e nell’uso della rete.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in recensioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...