L’ALLENATORE SUL DIVANO

allenatoreRecensione di Romano De Marco

L’ALLENATORE SUL DIVANO. Psicologia minima di un tifoso di provincia. (Caracò)

ovvero:

Anche gli psichiatri criminologi hanno un’anima…

La prima volta che incrociai Corrado De Rosa fu in una edizione del festival Nebbia Gialla a Suzzara. Lui era sul palco a disquisire di psicologia criminale, commentando uno dei suoi autorevoli saggi pubblicati da Sperling e Kupfer, io fra il pubblico. Avrei voluto conoscerlo di persona, ma rimasi talmente impressionato dalla sua esposizione seria, competente e dettagliata, da esitare a farmi avanti, onde evitare figuracce da giallista di provincia quale sono. L’anno dopo ci ritrovammo al festival Salerno letteratura dove presentavo un mio romanzo. Cena con, fra gli altri, Luca Crovi, Cristina Marra, Paolo Roversi… Insomma alcuni fra i più cari amici che ho nell’ambiente. Ebbene, Corrado De Rosa, in quella occasione, si mostrò subito per la persona squisita, spiritosa, cordiale che è. Penso di poter dire che scattò una simpatia reciproca che andò a sommarsi alla stima per il professionista serio e preparato che avevo già conosciuto attraverso le sue pubblicazioni. In quella occasione, fra chiacchiere varie e pettegolezzi (come è di regola nelle cene post-presentazioni) venne fuori da parte di Corrado la passione sana, genuina, incontenibile per il gioco del calcio e, in particolare, per la squadra della Salernitana.

Ora, è noto che il calcio vero, quello fatto di cuore, sudore, trasferte disagiate e avventurose, tifo sfegatato e amore folle, è il calcio delle categorie minori. I miliardi e la mondanità che circolano nella serie A riescono, spesso, a smorzare gli autentici e genuini “istinti primordiali” del tifoso verace. La serie B è già tutta un’altra storia. Nel suo nuovo divertentissimo romanzo/saggio L’ALLENATORE SUL DIVANO (sottotitolo: Psicologia minima di un tifoso di provincia) De Rosa racconta questa passione in maniera assolutamente originale, con una grande ironia e una profonda, benché divertita, disamina della “psicologia del tifoso”. Lo fa attraverso capitoli brevi ma fulminanti che esaminano situazioni, personaggi, ricordi, in una carrellata irresistibile di istantanee che fotografano un amore sconsiderato, politicamente scorretto, ma profondamente sano. E poi il desiderio/necessità di educare la prole al medesimo amore… “E’ un attimo e ti cresce appassionato del rugby. Poi faglielo capire che il terzo tempo a bere birra con gli avversari, se hai vinto è divertente ma se hai perso è un’ipocrisia buonista…” Indubbiamente il libro più divertente e sincero che abbia letto da tanti anni a questa parte! Lo consiglio vivamente a tutti e, in particolare, a chi (come e me) lotta e soffre per i colori di una squadra. Qualunque essi siano…

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’ALLENATORE SUL DIVANO

  1. patrizia debicke ha detto:

    Concordo con Romano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...