Reporter Seriale: RECTIFY – Colpo di coda di una serie culto

rectify-s2di Romano De Marco

Dopo vent’anni passati nel braccio della morte, con l’accusa di aver stuprato e ucciso la fidanzata sedicenne, Daniel Holden viene rilasciato grazie a una nuova prova sul DNA che pone seri dubbi sulla sua colpevolezza. Nonostante all’epoca, poco più che diciottenne, avesse confessato il delitto. L’affetto della sua famiglia, che lo ha sostenuto durante tutto il periodo della detenzione, non basterà a rendere facile il suo reinserimento nel mondo. Anche perché sono in molti, nella cittadina di Paulie, in Georgia, a ritenerlo colpevole e a remargli contro. Compreso un senatore degli Stati Uniti e alcuni suoi ex compagni di scuola…

Questa è la premessa di Rectify, serie culto voluta dagli stessi produttori di Breaking bad e nata nel 2013 da un’idea di Ray McKinnon, attore, regista e sceneggiatore visto recentemente anche nella serie Sons of Anarchy. La prima stagione di sei episodi, prodotta e trasmessa dal canale via cavo Sundance TV, è stata un vero e proprio cult, accolta con grande favore dalla critica e osannata da un pubblico di buongustai come una vera e propria rivelazione. Tanto da convincere la rete a produrre una nuova stagione estesa di 10 episodi. Ma la seconda stagione, purtroppo, ha confermato solo a tratti gli straordinari ingredienti della prima, ovvero personaggi credibili e combattuti, recitazione ben al di sopra della media, una storia che volutamente si discosta anni luci dagli stilemi delle serie crime che vanno per la maggiore. I dieci episodi danno l’idea di essere la diluizione di una sceneggiatura scritta per sei e, a tratti, addirittura annoiano. Forte degli ascolti comunque buoni, la rete è corsa ai ripari e ha prodotto una terza stagione tornando alla originaria lunghezza di sei episodi. Ottimo il lavoro di sceneggiatura che è riuscito a riparare, in fretta, a quanto di poco convincente era stato fatto l’anno prima. Si torna subito ai livelli della prima stagione e tutte le sottotrame vengono sviluppate in modo convincente e originale. Penso che i sei episodi fossero stati pensati per una conclusione dello show ma, visto il successo, in corso d’opera è stata annunciata una quarta stagione di altri sei episodi che vedrà la luce nel 2017. Motivo per cui, benché il finale possa ritenersi conclusivo, nell’ultima puntata della terza stagione, qualcosina viene ancora lasciato in sospeso. Aspettiamo quindi la quarta, sperando che sia all’altezza delle aspettative! Nel frattempo ne consiglio a tutti la visione, visto che tutte le stagioni sono ora disponibili anche sulla piattaforma digitale Netflix.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in reporter seriale, Uncategorized, z. cinema e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Reporter Seriale: RECTIFY – Colpo di coda di una serie culto

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    Bello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...