Esercizi preparatori alla melodia del mondo

14-Crosetti-web-moscardelli-1Recensione di Marilù Oliva

Cos’è la grazia, domandai. Il maestro mi guardò: è come quando fai benissimo una cosa senza accorgerti che la stai facendo.

E un libro pieno di grazia è, appunto, quello da cui abbiamo ripreso la citazione sopra: Esercizi preparatori alla melodia del mondo, di Maurizio Crosetti, da poco uscito per Baldini & Castoldi.

Prima di diventare l’uomo che viaggia col suo pianoforte, il protagonista di quest’opera è stato un allievo senza troppo talento di un maestro che gli ha regalato il suo strumento. Incantato da una bimba dalla sciarpa rossa, apprendista pianista dalle mani magiche che “volavano come rondini da un nido nero all’altro, da un nido bianco all’altro”, il ragazzo ha capito presto che l’amore è soprattutto attesa. Attesa e assenza. Ha deciso però di farsi riempire la vita dalla musica, musica che un giorno, una volta grande, ha scelto di portare in giro per il mondo su una carcassa di piano con dentro una tastiera, trainata da una bicicletta. La figura del pianista errante prende spunto, come ha dichiarato l’autore nei ringraziamenti e in questa intervista, dall’uomo che ha suonato Imagine al Bataclan il giorno dopo gli attentati terroristici che hanno insanguinato Parigi a novembre 2015.

Vedere un ciclista con un pianoforte a rimorchio che scende, stacca la bici, sgancia lo sgabello e si mette a suonare nel luogo di una strage mi ha spinto a provare a entrare con l’immaginazione nella sua vita. Cosa può esserci, ho pensato, per portarlo fino a quel giorno? Perché si trova lì? Cosa gli è successo prima? Di cosa va in cerca? E con quali altri personaggi viene a contatto? Ho seguito questo percorso.

Quello che ha imparato il musicista è più tecnica e sottrazione, ma tanto gli basta per compiere il suo cammino attraverso i luoghi feriti dalla guerra, dalle calamità umane o naturali. Che sia una piazza ucraina simbolo della resistenza e delle barricate dove sono morte troppe persone o che sia l’insidiosa e meravigliosa capitale di un’isola più volte esplosa nei suoi terremoti, la Giamaica, l’artista di queste pagineprosegue la missione autoimposta di regalare musica ai passanti, al cielo, al tempo, al di là delle bombe, delle irruzioni, delle fughe degli scampati, delle raffiche di mitra.

Mi ripetevo spesso la stessa domanda: cosa rimane nei luoghi del dolore? Occorre una sensibilità da gatto per captare certe presenze ancora vive, il selciato ancora annerito dai fuochi, gli sfregi sui muri, qualche casa sbrecciata, il sangue scuro così difficile da lavare?

Torinese, Maurizio Crosetti è inviato speciale e firma di Repubblica, ha già pubblicato diversi libri tra cui La Juve sulla luna, la raccolta di favole I sogni di Friz, I padroni del pallone(2002) e Armstrong. Il ritorno del sopravvissuto (2009). La sua scrittura procede lieve come una melodia (la stessa richiamata nel titolo), con picchi di poesia e una presenza femminile sempre onirica, quasi evanescente, sia che si annunci nel frammento di un ricordo, sia che si trasfiguri in compagna di viaggio in grado di riconoscere i momenti altrui di lontananza. E alla fine, vi ritaglierete qualche ora per riascoltarvi un po’ di musica. Il che non fa male. Magari partendo dalle Variazioni Goldberg:

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in recensioni, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Esercizi preparatori alla melodia del mondo

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...