Reporter Seriale: Top of the lake

lakeTop of the lake:                  il grande Mah!

di Romano De Marco

Non voglio criticare Jane Campion dal punto di vista artistico, ci mancherebbe altro. La regista palma d’oro e oscar alla sceneggiatura per Lezioni di piano (1993) ha una sua visione personale del cinema che a molti piace e ad altri no. Personalmente il suo film che preferisco è In the cut , un atipico thriller statunitense del 2003 con un discreto tasso erotico, nel quale la Campion ha il pregio, fra l’altro, di ribaltare l’immagine cinematografica acqua e sapone della ormai dimenticata Meg Ryan, ex fidanzatina d’america e interprete di numerosi blockbuster (Harry ti presento Sally, C’è posta per te, ecc..).

Con TOP OF THE LAKE la regista neo zelandese si cimenta con la serialità televisiva, scrivendo tutti e sei gli episodi e dirigendone alcuni. La mia impressione è che lo faccia con la pretesa che qualsiasi forma di sperimentazione le sia consentita, per due motivi: il primo è che essendo lei Jane Campion si può permettere questo ed altro. Il secondo è che i fruitori di prodotti televisivi devono essergli grati per aver infuso la sua arte a un prodotto così ignobilmente commerciale come una miniserie TV. Il risultato è una serie lenta, approssimativa, piena zeppa di incongruenze, con un montaggio ai limiti dell’irritante. A Jane Campion il linguaggio narrativo delle serie TV non piace e lo fa capire senza mezzi termini.

Holly Hunter

Holly Hunter

La storia è quella della poliziotta Robin Griffin (Elisabeth Moss, la segretaria con gli orecchi a sventola di Mad Men) che, tornata in licenza nel suo paese d’origine nei pressi di un lago in Nuova Zelanda, per assistere la madre malata terminale, viene coinvolta dalla polizia locale nell’indagine per la sparizione di una dodicenne incinta. La presunta originalità della trama infarcita di stranezze e di grossolane castronerie dal punto di vista strettamente procedurale, si infrange contro i più triti luoghi comuni narrativi (il ricordo di una violenza sessuale subita dalla poliziotta, i vizi inconfessabili del paese di provincia ecc.). Tutti temi risaputi che la Campion tratta mortificando volutamente le regole del cliffhanger e mantenendo un alone di mistero su molti aspetti della trama. Forse lo scopo era quello di generare un originale clima di tensione, ma in sostanza ne deriva solo un gran fastidio e la sensazione di aver assistito alla scopiazzatura di quanto fatto da altri, primo fra tutti il Linch di Twin Peaks.

Il finale (telefonato come tutti gli altri cosiddetti colpi di scena) è alquanto deludente e raffazzonato. Molti i punti che rimangono irrisolti nella vicenda e nelle psicologie dei personaggi. Mi si dirà che è una precisa scelta artistica della regista, ma io non me la bevo. Non basta infarcire una serie TV di tagli, stranezze, personaggi solo accennati e trame sospese per creare un capolavoro. Così si crea solo un brutto e noioso telefilm che ti fa rimpiangere di aver sprecato sei ore della tua vita nell’attesa di quel “decollo” che non arriva mai. Concludo citando l’imbarazzante partecipazione di Holly Hunter (qui irriconoscibile rispetto a come appare in Dawn of Justice, il supercolossal della DC Comics) che dopo Lezioni di piano è diventata un po’ una attrice-feticcio per la Campion. Interpreta una sorta di santona, di guida spirituale involontaria, che una decina di donne deluse e smarrite (tra cui una miliardaria tradita dal marito) seguono in un terreno sulle rive di un lago dove creano una comunità autogestita in un villaggio di containers. Della serie: “Aridatece TJ HOOKER e le CHARLIE’S ANGELS!!!!!!!!”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in reporter seriale, Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Reporter Seriale: Top of the lake

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    Bravo Romano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...