NOIR, QUESTO (S)CONOSCIUTO 3: GRAZIA VERASANI

Grazia Verasani è una delle più rappresentative scrittrici noir della nostra epoca. Se tutti voi l’avete sentita norminare perché autrice del libro da cui Gabriele Salvatores ha tratto l’omonimo film, Quo vadiz, baby? Grazia va assolutamente conosciuta e letta in tutta la sua produzione, sia quella di genere che quella al di fuori, mi riferisco, ad esempio, alla piéce teatrale From Medea Maternity Blues (tra parentesi, Grazia è anche una cantante meravigliosa dalla voce suadente e potente al tempo stesso. Tra i suoi lavori vi consiglio il cd Sotto un cielo blu diluvio). Da pochi giorni è uscito per Feltrinelli il suo nuovo romanzo della serie dedicata alla detective Giorgia Cantini, Senza ragione apparente. Il caso cardine del libro riguarda il suicidio scioccante di un sedicenne. Quando la madre si presenta all’agenzia della Cantini, sita in una Corticella che assomiglia sempre più a una Chinatown, è una donna distrutta. “Sono stanco” sono le parole che il giovanissimo morituro ha lasciato scritte. Comincia quindi per la nostra eroina un’indagine che vi coinvolgerà in prima persona. Per tanti motivi. Perché siamo stati tutti teen ager, perché ritroveremo alcune nostre debolezze, perché trasuda la sua umanità e il suo disincanto.

images

Se ti chiedessi una definizione di noir, da inserire nel dizionario?

Il dipanarsi di una tensione, che emoziona e fa pensare.

Quanto sono noir i libri di Grazia Cantini?

Spero abbastanza. Anche se a volte sono infedele al genere. Ma credo anche che la letteratura tout court sia un‘indagine intorno al mistero uomo, e che le etichette di genere siano sempre più riduttive.

downloadNel tuo nuovo romanzo “Senza ragione apparente” la Cantini, per indagare sul suicidio di uno studente diciassettenne, si tuffa nel suo mondo fatto di serate, canne, insicurezze. Mentre prima il genere si nutriva di un target determinato di protagonisti, dai 30 anni in su, ora stanno cambiando anche le umanità del noir?

Non lo so. Chiamo in causa la mia investigatrice Giorgia Cantini solo quando la cronaca, la realtà, l’osservazione sensibile di ciò che mi circonda, mi ispirano, e in questo caso le inquietudini dell’adolescenza e la confusione degli adulti.

Tre nomi di noiristi che ti piacciono

Sopra tutti, Patricia Higsmith, Jean Claude Izzo e tutta la scuola francese, Simenon.

In che direzione sta andando il genere in Italia?

In un senso più thrilleristico o giallo. Trame avvincenti, ma poca emotività o psicologia. E un linguaggio spesso veloce, semplificato. Nelle autrici vedo più coraggio.

E all’estero? Noti delle differenze?

Meno provincialismo.

Pensi che ci sia un abuso del termine noir? A che scopo?

No, penso che sia tuttora un genere visto con sospetto, e invece sa essere letterario. La sua fortuna è alterna. Ma, sinceramente, troppi ispettori un po‘ stereotipati, poca originalità. Non è un problema solo di questo genere. Oggi escono titoli a getto continuo ed è difficile incappare in nuovi autori che sorprendano, manca la possibilità di orientarsi, di sapere che esistono. Oramai, il marketing, l’editoria, i media, non fanno distinzione tra romanzi di qualità e non. E non c’è quasi più una critica attenta che ci aiuti a districarci.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in noir, questo (s)conosciuto, Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a NOIR, QUESTO (S)CONOSCIUTO 3: GRAZIA VERASANI

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    bello

  2. Piera Carroli ha detto:

    Un’altra bologna inedita?

    Sent from my iPad

    >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...