A book to tell: Un’elegante ferocia

ferocia

Autore: Stefano Caso

Editore: goWare

Anno: 2015

Pagine: 176

Genere: noir

ISBN: 978 88 6797 305 7

Betty Cabrini è rilassata sul divano di casa. Le ossa le dolgono ancora parecchio

Una buona giornata a tutti. Oggi parliamo di Stefano Caso, cremonese , ma friulano d’adozione. Laureato in filosofia, giornalista, ex docente all’Università di Udine, Capo Ufficio Stampa in un ente pubblico. Ha scritto tre saggi per Hobby&Work, un giallo brillante “D’amore non si muore”; ha partecipato all’antologia “Nessuna più” contro il femminicidio. Infine il noir “Il male relativo”, nel 2014. “Un’elegante ferocia”, di cui vi parlo oggi, ne è il seguito.

Verità camuffate, scomode e pericolose. Piccole pedine da sacrificare. Nomi importanti che non si possono macchiare di nulla, devono rimanere immaccolati, come i camici che indossano ogni giorno. Verità rassegnate, che riemergono con ferocia e si vendicano. Giustizia parziale, per evitare che scoppi uno scandalo. Paura di perdere il posto di lavoro, angoscia per chi soffre e per chi non potrà mai affrontare la vita in modo sereno. Rammarico e tristezza per chi non c’è più. Un’indagine sporca, distribuita nell’arco di una settimana. Siamo a Cremona, in pieno inverno. Betty Cabrini, giornalista lesbica. Cappotto, sciarpa e basco rigorosamente neri. Burbera come sempre. Un debole per l’alcol, testarda come non mai. Sola, dopo essere stata lasciata dalla sua donna, indurita nelle emozioni, bellissima quarantenne dal fisico invidiabile…un paio di corteggiatori le ronzano intorno. Cambiare i suoi gusti sessuali? Impossibile! Emiliano Leda, suo ex collega, trasferitosi nel nordest grazie a un concorso; trentacinquenne pelato, passionale e irrascibile. Non ama i compromessi e crede nella giustizia limpida…Emiliano e Betty sono legati da una profonda amicizia e storiche sono le loro sbronze. Adelmo e Luiso, entrambi ventitreenni. Il primo è etiope e pazzamente innamorato. Il secondo è figlio di un ispettore di polizia ed è single, per sfiga. Si trovano come di consueto al Crazy Tower, tra un panino e una birra, a discutere di questa storia, che può rivelarsi pericolosa. Betty inizia a ricevere pacchi e fogli anonimi che citano spesso Sartre. La giornalista è preoccupata, capisce di essere seguita. I suoi movimenti sono controllati da qualcuno. Perché proprio lei? Chi è il misterioso postino? I quattro improvvisati investigatori danno il via all’indagine mettendoci la faccia, senza badare alla “forma”. Ognuno a modo proprio. Passando dalla terza alla prima persona i protagonisti si raccontano e ci presentano l’esigenza di qualcuno di far luce su alcuni fatti orribili. Si raccolgono indizi e informazioni. Saranno accettate per un’eventuale denuncia? Sarà davvero opportuno riaprire vecchie ferite? L’ostinazione porterà a sbattere contro parecchie porte chiuse, facendo intravedere uno spiraglio di verità. Troppe coincidenze, tutte rivolte nella stessa direzione. Sarà quella giusta? Lo scoprirete… Ed ecco che le intimidazioni non faranno più paura, il sangue smetterà di infastidire, bisognerà cercare una valvola di sfogo. Succederà davvero? Una voce dal passato troverà il silenzio adeguato, probabilmente. A voi giudicare. I sospetti diventeranno certezze. Il tempo sarà sempre limitato. Ottimo noir. Ben scritto. Intrigante e scorrevole. Un sorriso, tra una pagina e l’altra di questa brutta vicenda, è necessario. Bentrovato Gianmaria…Buona lettura.

Recensione di Federica Belleri

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A book to tell: Un’elegante ferocia

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    grazie bacio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...