A book to tell: La squadra H e la casa dalle finestre che piangono

finestre

Titolo: La squadra H e la casa dalle finestre che piangono

Autore: Maurizio Cocchi

Editore: Europa Edizioni

Anno: dicembre 2014

Pagine: 163

ISBN: 978 88 6854 390 7

Genere: narrativa

Il questore aveva già ripreso la parola, non accorgendosi che lo aveva interrotto, quando lo strano soggetto cominciò a scalciare vigorosamente

A book to tell oggi vi parla del primo libro di Maurizio Cocchi, bolognese, laureato in Pedagogia. Maurizio ha fondato la Spep Coop, cooperativa di servizi alla persona ed è stato vicepresidente del quartiere San Vitale di Bologna; ha creato la Virtual Coop e ne è tuttora il presidente. L’autore ci porta in una piccola cittadina tra le province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova. Il questore Fariello, scomodo nell’antimafia, arriva per riposarsi e rilassarsi.

Cosa ci sarà mai da fare in un paese come quello? I ristoranti li conosce ormai tutti, adesso riesce pure a sciogliere la tensione con una bella donna…cosa volere di più? Magari si potrebbe ristrutturare una parte dell’edificio che ospita la questura. Magari si potrebbe renderlo accessibile ai disabili. Ottima idea, signor questore! Ma non sa cosa sta rischiando…Dopo una selezione di candidati, ne vengono assunti cinque, tutti speciali, tutti unici, che imparano da subito a completarsi e ad essere complici l’un l’altro; con naturalezza, con chiarezza, con una semplicità disarmante. Cinque disabili che portano nel gruppo i loro punti di forza, facendo quasi scomparire i limiti e le difficoltà. Un team, la Squadra H, che passa presto da amministrativo a operativo. Con quali conseguenze? Lo scoprirete e vi stupirete delle loro capacità. Avranno un’indagine da seguire e lo faranno alla loro maniera, utilizzando le migliori tecnologie, lavorando con velocità e attenzione. Sono un misto che ricorda Lincoln Rhyme, indiscusso personaggio creato da Jeffery Deaver, i Ris, gli Intoccabili e Amici miei. Sono ironici, crudi, irrispettosi, dolci e passionali. Amano giocare sporco e non disdegnano il sesso. Uccidono con determinazione e non sempre risultano accomodanti. Vi faranno sorridere e riflettere. Porteranno a termine una missione, sentendosi poi responsabili delle loro azioni, ogni giorno, per tutta la vita. Di più non posso dirvi. Questo libro è breve ma intenso e vi assicuro che vi darà una visione della disabilità davvero particolare. Buona lettura.

Recensione di Federica Belleri

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A book to tell: La squadra H e la casa dalle finestre che piangono

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...