Son tanti, gli amanti…

Purtroppo, come sapete, l’Unità ha chiuso il primo agosto e ho trasferito qui la mia rubrica “Il Bugiardino”, una sorta di lista/recensione che tratta i libri come medicine. Il primo Bugiardino su Libroguerriero cura da una malattia molto diffusa: l’idealizzazione dell’amore (e non solo).

camilla2Titolo:   AMO TE… starò con lei per sempre

Autrici:   Camilla Ghedini – Brunella Benea

Editore:   Giraldi

Il libro:  A chi in fondo non è capitato di tradire o essere tradita? Di essere o avere l’amante?”, si chiedono le autrici nella premessa. La risposta è semplice: “Può capitare. E certe volte, va bene così”. Da qui prendono forma le storie di queste donne divertenti, imbranate ma comunque di successo, che si trovano a vivere quello che comunemente è ritenuto un amore sbagliato, perché al di fuori della “legalità” della famiglia classica, concepita come monogama, felice, indistruttibile e possibilmente con figli. Un viaggio ironico e spassoso nella figura per eccellenza più “in ombra” e nascosta nei secoli: l’amante – in realtà sia donna che uomo – al di là dei tabù e dei luoghi comuni, si districa tra famiglie altrui, figli altrui, spazi nascosti, tempi risicati, ma rivendica con tanto senso dell’umorismo un posto nel mondo, e una dignità, tanto da voler istituire una Giornata Nazionale dell’amante. “Ora, vi chiedo un atto di coraggio. Istituiamo la Giornata dell’Amante! Rendiamo merito alle amanti di esistere, di tenere in piedi i matrimoni, di fare girare l’economia.

Uscito  2014

Pag.  188

Euro  12

ISBN 978-88-6155-567-9

camilla1

ISTRUZIONI PER L’USO

Categoria farmacologica:

Romanzo non-sentimentale

Composizione ed eccipienti:

Una storia d’amante. Quello che ci raccontiamo e cosa dice il grillo parlante (alias la voce delle amiche). Questo libro vi ruberà parecchi sorrisi, ma vi farà anche riflettere.

Indicazioni terapeutiche:

Cura il romanticismo, l’idealizzazione e altre distopie legate all’amore

Consigliato a tutti, benefico per:

  • Chi non è mai stata “l’altra/o”
  • Chi non ha mai avuto un “favorito/a”
  • Chi, anziché sondare, preferisce affondare nei sensi di colpa
  • Chi è tanto presto a puntare il dito
  • Chi quando scopre il tradimento del partner se la prende con l’amante
  • Chi si è dimenticato delle confidenze con le amiche e delle altre meraviglie: «Quel piangere fino a sfinirsi, seguito da quel ridere a crepapelle, quel sentirsi prima sul punto di morire per amore poi per la stupidità!»
  • Perbenisti recidivi

cami

Controindicazioni:

Se fino ad oggi ci avete messo le mani sul fuoco, forse ora avvertirete un principio di scottatura.

Posologia, da leggersi preferibilmente:

Anche “sedute” (intendi: terapeutiche)

Effetti indesiderati:

Vi slegherete da lacci antichi: «Ci sono uomini profondamente legati ad altre compagne, ma incapaci di abbandonare il tetto coniugale. Ci sono antichi retaggi culturali in cui l’uomo deve sentire di proteggere la prole e la madre della prole. Nella nostra società, purtroppo, sopravvive un’idea di forza a cui l’uomo non può sottrarsi, se non sentendosi ridicolo ai suoi stessi occhi».

Avvertenze:

Attenti alle mamme che indirizzano verso un “buon” matrimonio paziente

Pillole:

«Le pazienti che decidono di intraprendere la psicoterapia spesso arrivano distrutte, ma consapevoli di volersi riprendere, per motivi inizialmente sbagliati. E mi spiego meglio. Si attribuiscono la colpa del fallimento del rapporto, per essersi trascurate, per essere ingrassate, per essersi imbruttite. E questo serve loro per giustificare il tradimento. È come se affermassero “me lo sono meritato, fa bene a non desiderarmi più”. No, non è così, ovviamente, perché in mezzo sono saltati altri tasselli, come il dialogo e la comunicazione, divenuta troppo spesso ordinaria e relativa alle cose pratiche di casa, dai costi del dentista agli elettrodomestici da acquistare. Ma quando arrivano qui, qualcosa dentro di loro si sta ribellando, anche se ancora non riescono a identificarlo. ».

– – – – – – – – – – – – – – – – –

«Perché non si può continuare a fingere che l’amante sia una figura inesistente. Perché ha un ruolo nelle separazioni. Perché una percentuale alta dei casi di stalking riguarda le amanti. Perché bisogna sfatare la diffusa convinzione che vittime di stalking siano donne provenienti da condizioni di disagio sociale. Come che le amanti siano donne di seconda categoria. Il giudizio degli altri pesa oggi meno di un tempo, ma deve pesare ancora meno. C’è troppa ignoranza e ipocrisia».

Le autrici:  

Camilla Ghedini (1973) è giornalista professionista (nella foto sopra, a sinistra). Esercita in libera professione nel campo della comunicazione/informazione convenzionale (www.ufficiostampacomunicazione.com) e integrata (www.poliscomunicazione.it); collabora con «Il Resto del Carlino», redazione Bologna (Cultura e Spettacoli) e Ferrara, oltre che con «Noi Donne», mensile di politica, cultura, attualità, su cui ha una sua rubrica, Versione Santippe. Tra le tante pubblicazioni si ricordano: Una famiglia lunga un secolo (Este Edition, 2006); Io cattiva? No, io precaria. Manuale del lavoratore flessibile (Edimond, 2007); Giustificazioni di un marpione perbene (Editori Riuniti, 2008); Bondeno. Racconti Artigiani (Este Edition, 2011); Città del Ragazzo. Voci e sguardi in cammino (Este Edition, 2014).

Brunella Benea (1962), consulente esterna per l’impresa in associazioni di categoria, è stata dal 2001 al 2009 assessore alle Pari Opportunità, alla Sicurezza, allo Sport, all’Ambiente del Comune di Bondeno, in provincia di Ferrara. Negli stessi anni, è stata consigliere a Ferrara capoluogo. E successivamente, ancora, a Bondeno. Ha una vocazione artistica, frutto dei suoi studi, che manifesta nella realizzazione di componenti di arredo.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in bugiardino, romanzo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Son tanti, gli amanti…

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    Grazie e buon lavoro Abbraccio patrizia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...