Ovunque tu vada

tentiOvunque tu vada

di Katia Tenti

editore: Marsilio

Euro: 18,00

Anno: 2014

Recensione di Massimo Ricciuti

 

 

Romanzo ispirato a tre fatti di cronaca realmente accaduti, “Ovunque tu vada” ha come protagonista il pubblico ministero Jakob Dekas.  Di stanza a Bolzano, il magistrato deve occuparsi di un caso di stalking, della morte sospetta di un anziano e di un sacerdote accusato di pedofilia . Dekas è un uomo che ama la solitudine e nelle sue ore libere preferisce restare a casa ad ascoltare musica piuttosto che fare vita sociale. Frequenta saltuariamente una ragazza, Claudia, con cui non si può dire abbia una relazione ma solo una storia basata sul sesso. È tormentato dal ricordo di Laura, il grande amore dei tempi dell’Università che, come apprendiamo da alcuni flashback, è finito in maniera tragica.

Il primo caso che impegna Dekas è quello di Milena, perseguitata in ogni modo dal suo ex fidanzato. Il pubblico ministero, però, prende sottogamba la denuncia della donna e la situazione precipiterà: siamo alla fine degli anni novanta, quando in Italia non esisteva neppure una legislazione che tutelasse le vittime di stalking.

La morte dell’anziano Otto Pixner, causata apparentemente da assideramento, porterà, invece, a scoperchiare ben altro, compreso uno stretto collegamento con il caso di Milena. Contemporaneamente, l’accusa di una ragazza porta alla ribalta un fenomeno molto attuale e tenuto nascosto per troppo tempo, quello degli abusi sessuali perpetrati da rappresentanti del clero.

Tre casi destinati a squarciare il velo d’ipocrisia che avvolge una zona tanto bella dal punto di vista paesaggistico quanto chiusa in una mentalità piccolo borghese. La lettura del romanzo scorre veloce, nonostante le quasi cinquecento pagine.  Il finale poi non è un vero e proprio finale e lascia presagire il ritorno di Jakob Dekas per un’inchiesta che lo riguarderà molto da vicino.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in romanzo, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ovunque tu vada

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...