Arezzo Wave Love Festival

Si svolgerà nella suggestiva cornice della provincia aretina,  questa 27a edizione di uno dei festival musicali più longevi del paese, l’Arezzo Wave Love Festival.

arezzo_wave_new-default

Quest’edizione vedrà alternarsi artisti come Max Gazze’, Marta Sui Tubi, Ministri, Fedez, Luca Agnelli, Fabrizio Barca… e molti altri. Il risultato di questa esperienza più che ventennale è innanzitutto un’attenta selezione degli ospiti.

Ma come vengono scelti gli ospiti?

Ce lo spiega Mauro Valenti, direttore artistico del festival (nella foto sotto):

«Viaggiamo molto, gli artisti li vediamo dal vivo nei molti appuntamenti internazionali a cui la Fondazione Arezzo Wave Italia è presente. Per gli italiani emergenti selezioniamo i migliori da ogni regione d’Italia con un pecorso lungo un anno che da oltre 2.000 band e 130 date dal vivo porta a selezionare le migliori 19.

Nel programmare la line-up inoltre mettiamo come “locomotiva” del festival artisti di richiamo e di qualità, con loro anche italiani in vista di possibili promozioni anche per il mercato internazionale».

valenti

Quali i must da seguire, nell’organizzazione? Risponde sempre Mauro Valenti:

«Considero la “diversità culturale” come bene dell’umanità. Nella direzione artistica di Arezzo Wave cerchiamo di rendere il nostro pubblico curioso proponendo una programmazione italiana e internazionale con artisti e ospiti sempre di ottima qualità. Curiosità e qualità artistica sono per noi veicolo di idee positive e socialmente importanti», queste la parole di Mauro Valenti, direttore artistico dell’ Arezzo Wave Love Festival.

Quando si svolgerà?

Dall’11 al 14 luglio, nella vasta area verde di Civitella di Valdicchiana (Ar), si terrà una kermesse di musica italiana e internazionale, nuove proposte da scoprire, laboratori, incontri e dibattiti per affrontare le tematiche urgenti dell’attualità, tra cui la crisi. Anche quanto a qualità l’Arezzo Wave si distingue, basti pensare ad alcuni dei nomi di questa edizione: Max Gazzè, Marta sui Tubi, Ministri, Fedez, Luca Agnelli, Massimo Zamboni, Roberto Fabbriciani, Grimus, Rangleklods, Fabrizio Barca, Tommaso Cerno, Eraldo Pecci e una band emergente in Svizzera, i 77 Bombay Street.

Ecco alcuni dei nomi della lunga lista di artisti, musicisti, scrittori e non solo. Tutti i dettagli e il programma: www.arezzowave.com

Giovedì 11 luglio il festival si aprirà al Parco del Pionta di Arezzo, che ospiterà i primi concerti e spettacoli, a cominciare da “30 anni di ortodossia”, un excursus dei 30 anni di carriera di Massimo Zamboni. In scaletta anche i Granturismo, il dj set di Fedez, da poco certificato disco di platino con il suo secondo album “Sig. Brainwash – L’arte di accontentare” e altre band.

Venerdì 12 luglio il festival ospiterà i danesi Rangleklods e i Ministri. Eraldo Pecci, presenterà il suo ultimo libro “Il Toro non può perdere” (Rizzoli 2013) insieme a Gianpaolo Ormezzano. Di tutt’altro taglio sarà invece l’incontro “Italia 2020: nuovi diritti per una nuova comunicazione”, una riflessione sul tema di un futuro prossimo dove tv, web e mobile convergono. Quali sono problematiche e soluzioni? Cercheranno di rispondere Manlio Mallia e Mark De Simone. La notte andrà in scena Elettrowave, una serata di musica elettronica con ospiti Luca Agnelli e Danny Daze dagli USA.

Nella giornata di sabato 13 luglio si affronteranno due temi principali. Il primo è il parallelismo con gli anni ’50: l’intento è di dare un messaggio positivo di ricostruzione, come nel secondo dopoguerra. La guerra in questione è quella economica, sperando che il secondo semestre del 2013 segni un punto di ripresa. Il secondo affronta – con l’intervento di Fabrizio Barca – la ricostruzione e la rinascita di questo paese.

Domenica 14 luglio, il flautista Roberto Fabbriciani terrà un incontro sui Beatles, raccontando la sua esperienza di musicista., dopodiché si esibiranno Gatti Mézzi, Iotatola e i 77 Bombay Street, che con il loro album di debutto “Up in the sky” hanno ricevuto un disco d’oro e uno di platino. Il gran finale sarà tenuto da Max Gazzè.

L’area festival di Albergo sarà ad ingresso gratuito il giovedì e negli altri giorni fino alle 20, dopodiché sarà previsto un biglietto di 10 euro. Presso l’area festival, interamente coperta da wi-fi grazie a Terra spa, si potranno trovare aree di ristorazione, stand dei partner e bancarelle del mercatino di Arezzo Wave. Chi vuole potrà portarsi dietro i bambini: è stata allestita “Cicciottà la città dei bambini”, per accogliere i pargoli dai 6 agli 11 anni e – grazie alla collaborazione con la prestigiosa scuola di circo di Torino FLIC – essi avranno la possibilità di divertirsi, mentre gli allievi della scuola si esibiranno anche in città ad Arezzo con performance e improvvisazioni.

 

 

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in musica, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Arezzo Wave Love Festival

  1. Patrizia Debicke ha detto:

    Grazie

    ________________________________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...