Mantova – Reading noir – 7 settembre 2012

Marco Piva, ideatore e organizzatore della serata.

«Considerato che il festival della letteratura di Mantova rappresenta uno degli eventi letterari più importanti e significativi organizzati sul territorio italiano, una delle poche manifestazioni capaci di smuovere un grande numero di persone da tutto il mondo, mi sembrava una buona occasione concretizzare un’iniziativa collaterale che aggregasse un numero considerevole di scrittori (“i magnifici dieci”) e i lettori appassionati del genere poliziesco (ma non solo). Lo staff delle librerie IBS (ex Melbookstore) ha accolto in maniera entusiasta la cosa e, grazie alla forte sinergia che si è creata in questi ultimi anni con la positiva esperienza delle rassegne corpi freddi, è diventata solida realtà.

Ho deciso di scegliere autori appassionati, capaci e talentuosi che hanno lasciato un segno potente nei cuori dei corpi freddi. Scrittori che in questi anni sono gravitati nella nostra orbita, che abbiamo seguito con grande attenzione, che ci hanno accompagnato con determinazione e che, in un certo senso, sono cresciuti un po’ insieme a noi».

Reportage fotografico

In ordine, spesso di fianco a Marco Piva: Alessandro Bastasi, Marilù Oliva, Alessandro Berselli, Luca Crovi (legge) con Mauro Marcialis, Gianluca Morozzi, Piergiorgio Pulixi, Elisabetta Caramitti (legge) con Sara Bilotti, Tersite Rossi, Elena Mearini, Massimo Rainer, Pierluigi Porazzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                         

 

 

                                                      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Massimo Carlotto ha concluso con un discorso significativo sul noir e sulla necessità di condivisione: “C’è spazio per tutti”.

 

Ho rivolto a Marco Piva qualche domanda su questa bella iniziativa: Marco, puoi tirare le somme sulla serata: com’è andata?

E’ stato un grande successo. Dire che sono soddisfatto sarebbe poco. Confesso che nutrivo diversi timori sull’esito finale e sulla risposta di pubblico. In fin dei conti l’iniziativa era un evento collaterale slegato alla manifestazione festivaletteratura e poteva venirne schiacciato, sia dall’importanza degli eventi che avevano luogo quella sera stessa (Malvaldi, tanto per fare un esempio), sia dai  perfetti e sincronizzati ingranaggi della macchina organizzativa legata alla kermesse mantovana. Quando tutto è iniziato e ho alzato gli occhi verso la numerosa platea impreziosita da personaggi illustri, ho capito che il festivaletteratura quella sera era nella casa dei corpi freddi.

Cosa in particolare ha funzionato?

La spontaneità e l’improvvisazione sono state le armi vincenti. Non esisteva un rigido copione da seguire, tutto si è svolto seguendo l’istinto e il cuore. I dodici scrittori protagonisti hanno dato dimostrazione di enorme professionalità, entusiasmo e rispetto verso i colleghi e i lettori. Nei loro atteggiamenti  e nelle loro azioni ho percepito il lato pulito di questo mondo e di quanto questi momenti di condivisione siano fonte di accrescimento e maturazione per tutti noi.

Quella sera c’era una magia speciale nell’aria.

Ti aspettavi tanta affluenza e tante presente di prestigio?

Mi ripeto: assolutamente no. La felicità è stata enorme.  Queste soddisfazioni ripagano di tutto il sacrificio, il lavoro e gli investimenti per questo mio grande amore disinteressato verso la letteratura. Vedere in platea personalità influenti dell’editoria italiana, il grande Luca Crovi e il maestro Massimo Carlotto, che sono rimasti presenti e partecipanti attivi per tutta la lunga serata, mi ha fatto capire che il battito della mia passione si fa sentire sempre più forte, che le iniziative che sto mettendo in campo con impegno hanno raggiunto una forte credibilità.

E’ vero che hai salutato con un arrivederci all’anno prossimo?

Puoi contarci. Intanto mi rituffo nell’organizzazione della prossima rassegna autunno – invernale corpi freddi. Ne vedrete delle belle.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mantova – Reading noir – 7 settembre 2012

  1. Pingback: Reading noir a Mantova: il reportage fotografico di Marilù Oliva | a video spento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...