VALERIO CALZOLAIO

ATTIVITA’: IN GIOVENTÙ, IN  PARALLELO CON SCIENTIFICO E SCIENZE POLITICHE, HO FATTO DI TUTTO: GIORNALISTA PRECARIO, IMPIEGATO, INSEGNANTE DI TEDESCO (ORA L’HO DIMENTICATO… IL TEDESCO), BORSISTA, POI HO ABBONDANATO “CARRIERE” (BANCARIA, GIORNALISTICA, UNIVERSITARIA) IPOTETICHE (NEMMENO TANTO… IN BANCA AVEVO VINTO IL CONCORSO, AL GIORNALE STAVANO PER CHIAMARMI IN UNA REDAZIONE ROMAGNOLA, IL MIO PROF SI E’ TRASFERITO E MI HA PROPOSTO DI ASSISTERLO A NAPOLI) PER DARE SEGUITO ALLA PASSIONE POLITICA (CORROBORATA DA… RELATIVA INUTILE LAUREA), POTREI ANDARE AVANTI PER PAGINE E NON SO SE DEVO SCRIVERE DI ORA… MEGLIO CONOSCERSI E RELAZIONARSI… OPPURE LEGGERE “ECOPROFUGHI”…
SEGNI PARTICOLARI:  diabetico bisbetico indomato padre
LO TROVATE SU:  giusto wikipedia e facebook

Cosa ti senti di essere, nella tua essenza più profonda?
… Un essere umano più simile agli altri umani di quanto sono disposto ad ammettere…

Sei recensore, critico e scrittore. Provi a spiegarci il tuo rapporto con la letteratura?
… leggo molto, quasi da quanto mi ricordo di vivere… il genere giallo da quando avevo 14 anni… quasi 20 anni fa mi sono posto il problema di fissare su carta stampata letture d’intrattenimento (non quelle di approfondimento), quelle di gialli e neri in particolare…
scrivo molto, quasi da quanto mi ricordo di vivere… soprattutto di argomenti scientifici e politici… soprattutto volantini manifesti comunicati documenti di svariate “politiche” (pace e guerra, cultura e spettacolo, università e istituzioni, ecc.), sempre più spesso saggi con citazioni e note… anche molto tecnici, la storia costituzionale e le normative ambientali… ma ho scritto anche su Mafai (prevalentemente… un pittore), Gramsci (… un politico) e Leopardi (… un poeta), Hammett (… un intellettuale secco)…
considero “eco profughi” il mio primo vero (e miglior) libro, una scommessa vinta con me stesso (anche se consapevolmente debole sul piano editoriale)…
penso troppo…

Lavori anche in politica. Com’è la situazione oggi in Italia?
… ho poco da “dichiarare”, ho sofferto e combattuto le occupazioni del potere… un certo modo di essere democristiani, Berlusconi, un certo modo di essere berlusconiani… collaboro con SEL, non a caso Sinistra Ecologia Libertà…
nel libro “eco profughi” non parlo di politica italiana però scrivo delle mie idee politiche, di entropia e egoismo, di diritti e doveri, di verità e giustizia, di conflitti e migrazioni, di forze e libertà…

Dal 1996 al 2001 sei stato sottosegretario al Ministero dell’Ambiente. Ti nominano Ministro dell’Ambiente: i tuoi primi tre provvedimenti
… un testo unico sulle acque (pubbliche, chiare, fresche) con il bacino idrografico effettiva unità di scelta paesaggistico-amministrativa, rilancio della gestione pubblica, disincentivi all’acqua “non” di rubinetto, cooperazione internazionale allo sviluppo sostenibile di chi non ha abbastanza acqua per bere e pulirsi
… un disegno di legge organica a favore delle energie rinnovabili, con un fortissimo incentivo (quasi gratis) a chi le mette per il consumo proprio, con forti disincentivi a chi spreca e non risparmia, oltre che a chi inquina (combustibili fossili) e non è efficiente, con regole e procedure semplici chiare rapide, con un mandato a negoziare impegni di riduzione dei gas serra sempre appena un poco superiori a quelli concordati in sede comunitaria, con progetti urbani di città energeticamente sostenibili (autoproduzione, chilometro zero, ecc.)
… fondi per i parchi e la tutela della biodiversità

In alternativa ti nominano Ministro della Cultura e dello Spettacolo: ti chiedo sempre i primi tre provvedimenti
(… qui ho meno competenza… )
Campagna di informatizzazione (e accesso libero e wi-fi e …) delle scuole, degli ospedali, dei teatri, dei musei, dei parchi, dei luoghi pubblici, calibrata luogo per luogo, ente per ente, strumento per strumento
Conferenza Stato-Regioni-enti locali per il progetto “Spettacolo-commission” coordinato dal ministero per avere 20, 50, 200 centri pubblici dove (imparare, provare, insegnare, vedere a) dipingere, scolpire, riprendere, registrare, suonare, declamare, sceneggiare, stenografare, illuminare
Conferenza per “Biblioteche 2020”, una rete bibliotecaria nazionale (e italiana-europea), dove si legge e si scrive, soli e insieme, carta e video

La cultura ha un ruolo? Chi “maneggia la cultura” ha dei compiti o deve solo rispondere della propria arte?
Sempre diritti e sempre doveri, libertà e socialità non sono culturalmente separabili nella storia della specie umana “sapiente”

Il tuo ultimo libro si intitola “Ecoprofughi. (Le migrazioni forzate di ieri, di oggi, di domani)” e tratta il tema delle migrazioni collegate ai cambiamenti climatici. Hai riscontrato, da parte della gente, sensibilità e curiosità verso questo tema?
Si, molta, da parte dei pochi che hanno saputo della sua uscita, della presenza in libreria o che hanno potuto chiacchierarne e discuterne nelle presentazioni già svolte (una quindicina) o in via di preparazione

Ci dai qualche dato?
No, tutto il libro è pieno di stime e numeri, però nasce per evitare allarmismi e enfatizzazioni, i giornali ripetono in continuazione annunci sulle decine di milioni di profughi ambientali e climatici, per capirci qualcosa quei numeri hanno bisogno di un contesto storico, climatico, demografico, sociologico, antropologico, statistico, comparato.

Ci riporti una citazione?
Il libro è dedicato ai miei genitori e inizia con tre citazioni che hanno molto di biografico e qualcosa di ironico: Leopardi, Gramsci, Darwin

Un commento ricevuto che ami ricordare
“C’è della poesia nel libro…”

La critica letteraria: come si divide, quanto conta, quanto davvero critica
…Un’altra volta ne parliamo…

Tre pregi e tre difetti
Di chi? Del libro? Miei? Pregi (spesso rivelatisi difetti): lealtà, autocritica, ironia. Difetti (talora percepiti come pregi, anche da me): testardaggine, suscettibilità, trasporto

L’ultimo tentativo
Il prossimo…

L’ultima volta che ti sei arrabbiato
Mi arrabbio di continuo, in genere con me stesso, l’ultima volta poco fa

L’ultima volta che hai riso di gusto
Al cinema, purtroppo. Sono di quelli che sorridono… Riso e gusto non sempre riusciamo a metterli insieme…

L’ultima volta che hai pensato: “Qui c’è qualcosa che non funziona”
Lo penso di continuo, in genere il “qui” mi riguarda, l’ultima volta poco fa, la prima volta quando ho cominciato a “fare” politica

L’ultima che hai pensato: “Qui funziona tutto a meraviglia”
Mi capita, mi capita, anche spesso, conseguenza di una certa fiducia, talora ingenua, anche se non è proprio raro che ci siano relazioni e situazioni e strutture e ecosistemi che hanno periodi di meraviglioso funzionamento

Il primo libro
Non lo ricordo, credo non sia stata solo la scuola a farmi leggere, i miei erano insegnanti, casa era piena di libri di tutti i generi, da piccolo con l’influenza leggevo Tre Moschettieri, viaggi, Bibbia, di tutto. Il primo giallo che mi piacque davvero e mi fece “decidere” fu un McBain, 87° distretto, estate prima dei 14 anni.

Progetti?
Pochi e irrilevanti

Salutaci tra 5 miliardi di anni, nel momento in cui il Sole si sta espandendo. L’umanità non è riuscita a migrare ed è rimasta sulla Terra, dall’incipit del tuo libro: «Prepariamoci a migrare, ad emigrare dalla Terra. Pare che avremo più tempo. Nuovi studi ci lasciano ancora oltre 5 miliardi di anni prima che l’agonia del Sole lo farà espandere, ritrarre ed espandere verso l’orbita della Terra, fino a collassare e diventare una stella nana»
“E’ stato bello conoscersi.”

Adesso salutaci come se invece l’umanità fosse riuscita a migrare in un altro pianeta ospitale.
“Sarà bello conoscersi qui.”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in editoria, interviste, Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...